Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale la Legge n. 9 del 21 febbraio 2014 recante interventi urgenti di avvio del piano “Destinazione Italia” per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC-auto, per l'internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, nonché misure per la realizzazione di opere pubbliche ed EXPO 2015, che converte in legge con modificazioni il decreto-legge n. 145 del 23 dicembre 2013. Queste alcune importanti novità introdotte, in particolare per quanto riguarda le disposizioni che interessano il mondo delle certificazioni energetiche.

 Allegazione dell’APE ai contratti di compravendita o locazione
Viene confermata la sanzione amministrativa in luogo dell’annullamento del contratto. Viene inoltre precisato che il pagamento della sanzione non esenta comunque dall’obbligo di presentare la dichiarazione o la copia dell’attestato di prestazione energetica entro quarantacinque giorni.

Schermature mobili
Si tiene in considerazione l’effetto delle schermature mobili a condizione che la prestazione energetica delle stesse sia di classe due, così come definita dalla norma europea EN 14501:2006.

 Certificatori energetici
Attraverso una modifica del DPR 75/2013 viene ampliato l’elenco di titoli di studio che consentono ai professionisti di poter redigere attestati di prestazione energetica senza corso di formazione; questo purché i professionisti siano abilitati all’esercizio della professione e non vi siano disposizioni regionali differenti.
Le lauree aggiunte sono alcune facoltà di ingegneria (aerospaziale, biomedica, dell’automazione, delle telecomunicazioni, dell’elettronica, informatica e navale) e la laurea di pianificazione territoriale e ambientale. Aggiunti anche alcuni diplomi tecnici ovvero quelli di perito industriale negli indirizzi: aeronautica, energia nucleare, metallurgia, navalmeccanica e metalmeccanica.
Vi è una novità anche per quanto riguarda la durata dei corsi di formazione, che passa da 64 a 80 ore.

 Annunci di locazione di durata inferiore a 4 mesi
Per i soli annunci di locazione con durata inferiore a 4 mesi non è più obbligatorio indicare nell’annuncio la classe energetica e l’indice di prestazione energetica.

Fonte: “Energia e Dintorni”, rivista del CTI-Comitato Termotecnico Italiano – Energia e Ambiente, marzo 2014.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.