Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

intervista romeiLa Commissione tecnica UNI "Trasporto guidato su ferro" si occupa principalmente della normativa che riguarda il materiale mobile e fisso per ferrovie, tramvie e metropolitane e degli apparecchi e accessori per questi mezzi di trasporto. Ha inoltre competenza normativa anche sui trasporti a fune, sulle casse mobili per il trasporto combinato di merci e sui containers per il trasporto delle merci.
Alla presidenza di questa importante commissione è stato recentemente confermato Raffaello Romei. "La gestione della segreteria tecnica è stata recentemente riportata all'interno delle strutture UNI. Ora in Commissione lavorano circa venti persone, in rappresentanza dei principali stakeholder del settore che vanno dagli esercenti delle attività trasportistiche - sia a carattere nazionale, come Trenitalia, che a carattere locale come Ferrovie Nord Milano, Metropolitana Milanese e ATAC - agli Enti Pubblici come il Ministero dei Trasporti, la Motorizzazione Civile e l'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria, passando anche per i costruttori, presenti attraverso l’Associazione di categoria ASSIFER, o direttamente come aziende, quali Ansaldo Breda e Alstom..."
Ovviamente tutti i soggetti interessati possono entrare a far parte della Commissione, in coerenza con il principio della più estesa rappresentatività e condivisione nell'attività normativa.

Alcuni numeri danno l'idea della rilevante attività che viene svolta in questo delicato settore: "Il parco normativo di competenza della commissione è costituito da norme sia nazionali che europee per un totale di circa 400 documenti tecnici", sottolinea Romei. "A queste vanno aggiunte le circa 250 norme che, nei diversi stadi di elaborazione, sono attualmente in lavorazione presso gli oltre 40 gruppi di lavoro del CEN/TC 256".
L'attività di normazione europea (e internazionale, attraverso i lavori dell'ISO/TC 269 "Railway applications") è una parte fondamentale e, in un certo senso, un punto di partenza imprescindibile per chi opera in seno alla Commissione UNI "Trasporto guidato su ferro".
"Per le sue caratteristiche intrinseche, il settore ferroviario ha una naturale vocazione all'internazionalità. I treni sono stati tra i primi mezzi di trasporto diretti all'estero e ciò ha comportato di per sé la necessità di una gestione uniforme e indifferenziata tra Stati." Come a dire che il concetto stesso di normazione tecnica è una vocazione naturale per chi opera in questo ambito.

I fronti aperti sono dunque numerosi.
"Attualmente è in corso una verifica della struttura della Commissione stessa, che comunque ad oggi è articolata in otto Sotto Commissioni, ciascuna competente per specifiche tematiche di settore quali ad esempio i materiali per la sede e l'armamento ferroviario, il materiale rotabile per trasporti urbani e suburbani."
L'intento è quello di adeguare la struttura della Commissione alla ricca articolazione dell'omologo comitato CEN, così da garantire un più efficace interfacciamento con i lavori in corso in sede europea.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.