Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

 E’ stata recentemente messa a disposizione del mercato italiano la traduzione della specifica tecnica europea CEN/TS 16118 “Sheltered housing – Requirements for service for older people provided in a sheltered housing scheme”. La nuova UNI CEN/TS 16118 “Case di riposo per anziani – Requisiti dei servizi forniti a persone anziane in complessi residenziali per anziani” si applica a tutti i fornitori di servizi per le case di riposo, indipendentemente dalla forma giuridica della proprietà e se il servizio è finanziato pubblicamente o privatamente. Il suo scopo primario è quello di migliorare e mantenere i livelli del servizio e non quello della progettazione o della definizione dei requisiti degli edifici. Il documento si applica principalmente a nuovi complessi residenziali per anziani, ma è anche applicabile a situazioni esistenti, se le circostanze lo permettono. Si tratta di un documento che potrebbe rivelarsi molto importante soprattutto nella prospettiva di una possibile progressiva trasformazione di alcuni alberghi in case di riposo.

old peopleParliamo dei servizi (di base e facoltativi) forniti ad anziani che vivono in una abitazione accessibile all’interno di un complesso residenziale per anziani, servizi che li aiutano a vivere in modo indipendente e a sentirsi più sicuri. Per “complesso residenziale” si intende una serie di edifici e spazi esterni che compongono una particolare area di sviluppo residenziale per anziani, comprendenti le abitazioni, le sale comuni, gli spazi di circolazione ed -eventualmente- i garage.

L’ampissima gamma di servizi che vengono orami erogati da parte di fornitori di tutta Europa, impone infatti che ne venga dimostrata la validità, il fatto che siano erogati con coerenza e con soddisfazione del cliente e con un buon rapporto qualità-prezzo.
In materia di trasparenza dei servizi offerti la norma prevede ad esempio che le informazioni fornite ai consumatori siano redatte chiaramente in modo da facilitarne il più possibile la comprensione e che vadano consegnate al potenziale residente prima della conclusione del contratto. Secondo la norma UNI tali informazioni devono comprendere un foglio informativo del progetto del complesso (ad esempio dimensioni, anno di costruzione, mappe dell’area interessata, servizi forniti) e delle abitazioni (dimensione dell’abitazione, posizione all’interno del complesso, attrezzature a disposizione, ammissibilità di animali domestici ecc.) oltre al catalogo dei servizi di base e di quelli facoltativi con il relativo listino prezzi.

Sempre per assicurare la trasparenza dell’offerta e per orientare i potenziali residenti, oltre alle informazioni scritte la norma prevede che si debba prestare una consulenza verbale sui servizi offerti dal fornitore. Insomma deve essere fatto ogni sforzo possibile per assicurare che le esigenze e le aspettative dei potenziali residenti possano essere soddisfatte all’interno della casa di riposo per anziani, tenendo conto delle loro motivazioni a trasferirvisi e della loro capacità di condurre una vita indipendente, ovviamente con il supporto dei servizi presenti all’interno.

Il concetto di casa di riposo dovrebbe essere assimilato al concetto di comunità, offrendo la possibilità di un modo di vivere indipendente e favorendo al tempo stesso l’integrazione dei residenti all’interno della comunità. Ad esempio nel caso ci siano servizi di trasporto pubblico nelle vicinanze questi devono essere adeguatamente segnalati. In caso contrario il fornitore deve collaborare con i residenti e con le organizzazioni locali per valutare la possibilità di servizi idonei da fornire.

Le abitazioni devono essere provviste di aree specifiche per cucinare, soggiornare e dormire e di una stanza da bagno; devono assicurare la privacy dei residenti e devono consistere in unità chiuse con serrature, campanelli e cassette di posta per ciascuna abitazione. Inoltre deve essere prevista la possibilità di installare una lavatrice nell’abitazione stessa o in una lavanderia comune.
Tra i servizi per le infrastrutture che devono essere obbligatoriamente forniti ci sono, ad esempio, la pulizia e la manutenzione delle aree comuni, i servizi di gestione delle attività di sgombero neve e spargisale, lo smaltimento dei rifiuti centralizzato, il giardinaggio dei giardini comuni, ecc..

I residenti della casa di riposo devono avere l’opportunità di un coinvolgimento attivo, come singoli o tramite un comitato, e devono poter esprimere le proprie opinioni, fornire suggerimenti o segnalare eventuali malfunzionamenti.

Come si è detto oltre al pacchetto minimo di servizi forniti in ogni caso ai residenti della casa di riposo (servizi di base) la norma prevede anche dei servizi facoltativi che vengono elencati separatamente in una apposita appendice al documento.
Tra i servizi facoltativi troviamo, ad esempio, la somministrazione dei pasti presso l’abitazione, le pulizie di base e la manutenzione delle singole abitazioni, l’assistenza infermieristica, i servizi di traporto e accompagnamento, l’esecuzione di piccole riparazioni su oggetti di proprietà del residente ecc. Tali servizi normalmente comportano dei costi che i residenti devono corrispondere separatamente.

La UNI CEN/TS 16118 definisce inoltre i requisiti e le mansioni dei coordinatori di servizi e del personale che opera nel complesso residenziale. Tali requisiti comprendono le competenze e abilità, le conoscenze professionali insieme alla conoscenza dei servizi offerti e del complesso.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.