Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La Commissione Centrale Tecnica (CCT) dell'UNI ha approvato alcune variazioni di struttura che interessano l’Ente federato CTI-Comitato Termotecnico Italiano. Le modifiche riguardano la costituzione di quattro gruppi di lavoro rimasti precedentemente in sospeso (Delibera CCT n. 89/2014 documento 701).

Compito principale dei quattro nuovi GL è quello di seguire l’evoluzione del quadro legislativo in materia e, alla luce della normativa internazionale ed europea seguita dal GL 3, sviluppare documenti normativi nazionali integrativi a supporto del mercato.

Il GL 2 “Uso razionale e gestione dell’energia – Attività nazionale” (E020202) intende seguire argomenti legati all’utilizzo razionale e alla gestione dell’energia nonché all’efficienza energetica. Tra le tematiche di competenza: la qualifica degli esperti in gestione dell’energia (EGE) e dei responsabili delle diagnosienergetiche (REDE), la qualifica dei fornitori di servizi energetici (ESCO), i servizi di efficienza energetica e gli aspetti generali relativi alle diagnosi energetiche. Il gruppo di lavoro collaborerà, quando necessario, con altri organi tecnici UNI, con Enti federati e con il CEI su specifiche tematiche non di diretta competenza CTI, in modo da assicurare l’adeguato allineamento della normativa di settore.

Il nuovo GL 4 “Diagnosi energetiche negli edifici – Attività nazionale” (E020204) oltre a seguire l’evoluzione del quadro legislativo nazionale in materia di diagnosi energeticanegli edifici, intende occuparsi di diagnosi energetiche connesse con l’involucro dell’edificio, con gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva e, più in generale, con l’intero sistema edificio-impianto.

Il GL 5 “Diagnosi energetiche nei processi – Attività nazionale” (E020205) ha il compito di sviluppare l’attività sui temi legati alle diagnosi energetiche nei processi produttivi e nei servizi.

Infine, il GL 6 “Diagnosi energetiche nei trasporti – Attività nazionale” (E020206) si occuperà dell’attività su temi legati alle diagnosi energetiche nei trasporti. Anche questo GL collaborerà, quando necessario, con altri organi tecnici UNI o CEI operanti su specifiche tematiche non di competenza del CTI, sempre per assicurare l’adeguato allineamento della normativa del settore.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.