Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

meeting centc419 2013Alcune statistiche mostrano che un numero sempre maggiore di attività criminali riveste un carattere transfrontaliero e i procedimenti penali spesso necessitano la cooperazione di polizia e autorità giudiziaria di due o più Paesi.
I lavori del nuovo Project Committee CEN/TC 419 "Forensic science services" hanno l'obiettivo di elaborare un set di norme per condurre una migliore cooperazione transfrontaliera in materia di investigazione criminale attraverso l'Europa. Le future norme avranno il compito di supportare l'attuazione del Programma di Stoccolma, adottato dal Consiglio europeo nel dicembre 2009, che delinea le priorità UE per l'azione e la cooperazione in materia di giustizia e sicurezza.

Le norme elaborate dal CEN/TC 419 definiranno le procedure per i processi di scienze forensi, partendo dalla scena del crimine – mediante l'identificazione, registrazione, recupero, trasporto e stoccaggio degli elementi – fino all'esame e analisi dei materiali, l'interpretazione dei risultati, lo scambio di dati e informazioni. Verrà data priorità allo sviluppo di una norma per la gestione delle prove sulla scena del crimine e per la raccolta dei dati forensi.

Le future norme europee aiuteranno a costruire un linguaggio comune e a stabilire identici requisiti per i fornitori di servizi di scienze forensi attraverso il territorio europeo; ponendo dei parametri di riferimento per le buone pratiche, i documenti contribuiranno a migliorare l'efficacia delle investigazioni criminali e l'efficienza della cooperazione tra fornitori del servizio, forze dell'ordine e autorità giudiziarie.

La segreteria del nuovo Project Committee è stata affidata all'ente polacco di normazione PKN, che lo scorso 23 ottobre a Varsavia ha ospitato la prima riunione: il meeting ha visto la partecipazione di una trentina di rappresentanti dei diversi Paesi membri CEN.

Il comitato CEN/TC 419 intende cooperare con altre organizzazioni impegnate su questo tema come l'Organizzazione internazionale di normazione-ISO, l'Ente normatore australiano Standards Australia e l'ENFSI-European Network of Forensic Science Institutes.
A livello nazionale l'argomento sarà seguito dalla Commissione tecnica Sicurezza della società e del cittadino.

Per informazioni sul CEN Project Committee:
Alina Iatan
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.