Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La Commissione Beni culturali-NORMAL, recentemente confluita all'interno della Commissione Prodotti, processi e sistemi per l'organismo edilizio in qualità di Sottocommissione, ha elaborato tre documenti che sino al 3 dicembre prossimo si troveranno nella fase dell'inchiesta pubblica finale.

Il progetto U84000930 "Beni culturali - Materiali lapidei - Scheda prodotti idrorepellenti" intende fornire le caratteristiche chimiche, fisiche e prestazionali da riportare sulle schede tecniche dei prodotti commercializzati per la protezione dei materiali lapidei. La futura norma elenca quindi le informazioni che devono essere contenute nella scheda tecnica del prodotto in modo da consentire all'utilizzatore di operare una selezione preliminare dei prodotti più idonei da impiegare in uno specifico caso di intervento.
I prodotti idrorepellenti, generalmente applicati allo stato fluido, hanno l'obiettivo di ridurre la penetrazione di acqua liquida e sostanze solubili all'interno di un materiale poroso, rendendo l'idrofobicità delle superfici il più possibile omogenea.

Presenta invece le tecniche di analisi colturale più utilizzate per consentire la crescita di Cyanobacteria e Chlorophyceae, colonizzanti i materiali lapidei il progetto U84000950 "Beni culturali - Materiali lapidei naturali ed artificiali - Cianobatteri ed alghe verdi: tecniche colturali". Per ogni gruppo microbico vengono riportate la composizione dei terreni colturali consigliati, le tecniche di preparazione, le condizioni di incubazione, i tempi e le modalità di lettura dei risultati.

Il particellato biologico aerodiffuso (bioaerosol) è costituito da cellule e/o forme di propagazione (spore, semi, pollini, propaguli vegetativi, ecc.) di batteri, funghi, alghe, licheni, briofite e piante e da frammenti vegetali e animali. Il deposito di tale particellato sulle superfici di beni culturali comporta una contaminazione che, in condizioni ambientali idonee, può dare luogo a colonizzazioni con conseguenti fenomeni di deterioramento di diversa entità.
Il progetto U84000960 "Beni culturali - Rilevamento della carica microbica dell'aria in ambienti interni - Metodo di campionamento attivo mediante impatto su solido" riguarda la metodologia per il rilevamento quantitativo e qualitativo della microflora vitale coltivabile diffusa nell'aria di ambienti interni mediante campionamento attivo. Per l'elaborazione del resoconto di prova, la futura norma include un modello di scheda per il rilevamento dei dati dell'ambiente esaminato e una scheda per l'espressione dei risultati del monitoraggi.

L'inchiesta pubblica finale terminerà il 3 dicembre prossimo. Entro tale data tutti i soggetti interessati possono scaricare liberamente il testo del progetto di norma, in formato PDF, dalle pagine del sito (NORMAZIONE > UNI: inchiesta pubblica finale) e inviare i propri commenti.

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.