Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Scadrà il prossimo 3 dicembre la fase di inchiesta pubblica finale per il progetto U96000290 "Reazione alcali-aggregato in calcestruzzo - Determinazione della potenziale reattività agli alcali degli aggregati per calcestruzzo - Esame petrografico di dettaglio dell'aggregato per la determinazione dei costituenti potenzialmente reattivi agli alcali" di interesse della Commissione Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato.

Il metodo descritto nel documento ha lo scopo di identificare e quantificare i costituenti potenzialmente reattivi agli alcali di aggregati da impiegare in calcestruzzo o malta. Può essere utilizzato per l'esame di materiale proveniente da nuovi giacimenti (carotaggi, blocchi da superfici esposte di cave), adottando criteri di campionamento che garantiscano la rappresentatività dei campioni di analisi.

La futura norma riporta un elenco dei costituenti potenzialmente reattivi agli alcali, fornisce alcuni criteri di attribuzione della classe di reattività degli aggregati e riporta tre esempi significativi di applicazione su tipici aggregati italiani.

La potenziale reattività agli alcali degli aggregati è legata a molte, differenti tipologie di costituenti mineralogicopetrografici reattivi e la sua valutazione è piuttosto complessa. Ci sono, infatti, evidenze pratiche di notevoli variazioni nella reattività di rocce, apparentemente simili, ma con genesi o stato di alterazione diversi, con differenze mineralogiche di dettaglio e/o diverse proporzioni di stessi costituenti. Di conseguenza, non è possibile classificare come potenzialmente reattive determinate tipologie genetiche di rocce in modo aprioristico, senza aver svolto l'esame petrografico in sezione sottile, secondo la procedura descritta dettagliatamente nella norma.
Ogni informazione integrativa disponibile, derivante da altre classificazioni mineralogico-petrografiche di aggregati reattivi, o da risultati di laboratorio ottenuti in base ad altre raccomandazioni e/o linee guida nazionali o internazionali, deve essere accuratamente valutata dal petrografo.

L'inchiesta pubblica finale per il progetto U96000290, iniziata lo scorso 4 ottobre, terminerà il 3 dicembre 2013. Chi fosse interessato può scaricare il testo del progetto e inviare i propri commenti attraverso le pagine predisposte sul sito internet (NORMAZIONE > UNI: inchiesta pubblica finale).

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.