Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

marco garantola interviewNel febbraio di quest'anno è stato pubblicato - e subito reso disponibile sul sito internet - un importante documento tecnico. Si tratta della prassi di riferimento UNI/PdR 2:2013 "Indirizzi operativi per l'asseverazione nel settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile" (scarica il documento).
Frutto di un accordo di collaborazione tra UNI e CNCPT (Commissione Nazionale dei Comitati Paritetici Territoriali), il documento fornisce prescrizioni tecniche per il servizio di asseverazione erogato dai Comitati Paritetici Territoriali (CPT), quegli organismi previsti dall'articolo 2, comma 1, lettera ee) del decreto legislativo 81/08 in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
L'asseverazione - e quindi l'attestazione - della corretta adozione di modelli di organizzazione e di gestione della sicurezza da parte delle imprese nel comparto dell'edilizia è uno dei compiti dei CPT, che assolvono così alla missione di promuovere la prevenzione della salute e della sicurezza in un settore industriale particolarmente delicato.

"L'asseverazione, prevista dall'articolo 51 del decreto legislativo 81/08, è molto importante nelle imprese di costruzione perché le fa partecipare attivamente ad un processo di gestione della sicurezza coordinato e uniforme a livello nazionale", dichiara Marco Garantola, presidente della CNCPT. "In estrema sintesi, l'obiettivo principale che ci siamo prefissati è aumentare il livello di qualità della sicurezza, attraverso i sistemi di gestione e dunque anche attraverso la verifica della loro efficace applicazione. E non bisogna dimenticarsi che migliorare la sicurezza in cantiere significa non solo meno infortuni, ma anche più qualità del lavoro e, infine, maggiore qualità del prodotto edilizio."
Perché, dunque, una prassi di riferimento?
"La CNCPT" - prosegue Garantola - "ha ritenuto che la prassi di riferimento fosse innanzitutto lo strumento ideale per fornire indirizzi operativi uniformi a livello nazionale. In questo senso la collaborazione con UNI è stata molto importante. Ma non è solo una questione di uniformità di procedure. Il documento che abbiamo elaborato ha infatti senza dubbio anche il merito di qualificare l'attività di asseverazione in sé e per sé."
Non è un fattore marginale. "Oggi i CPT fanno 50.000 visite in cantiere ogni anno. Un numero significativo. La prassi di riferimento sull'attività di asseverazione è uno strumento in grado di dare ancora maggiore qualità al lavoro dei CPT. Adesso", conclude Garantola, "la sfida è farlo conoscere e applicarlo efficacemente. In questa direzione vanno i corsi di 120 ore per gli asseveratori da noi organizzati a Roma e a Milano, oltre che una campagna di informazione presso tutte le imprese edili che stiamo organizzando in collaborazione con INAIL. L'intento è aiutare le imprese del sistema ad applicare correttamente sistemi di gestione della sicurezza."

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.