Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Tre nuovi progetti di norma sono sottoposti alla fondamentale fase di inchiesta pubblica preliminare (vai alla banca dati >>): entro il 1 ottobre tutti gli interessati – attraverso il sito internet – possono inoltrare commenti e, ove possibile, segnalare l'interesse a partecipare ai lavori di normazione.

L'art. 6 "Autoregolamentazione volontaria" della legge 4 del 14 gennaio 2013 "Disposizioni in materia di professioni non organizzate", pur non rendendo obbligatorio il rispetto delle norme UNI, definisce quei principi e criteri generali che disciplinano l'esercizio autoregolamentato dell'attività professionale.
Un nuovo progetto di norma nazionale definisce i requisiti di conoscenza, abilità e competenza – in conformità al Quadro Europeo delle Qualifiche-EQF – della figura professionale del tecnico di emodialisi. Il progetto U4200A190, necessario per coprire l'esigenza manifestata dagli operatori del settore di un riferimento normativo che garantisca un'adeguata preparazione e qualificazione del professionista e un'appropriata qualità del servizio, è di interesse della Commissione tecnica Tecnologie biomediche e diagnostiche.

L'Ente federato CTI-Comitato Termotecnico Italiano sottopone all'inchiesta preliminare il progetto E0201E130, futuro rapporto tecnico, che intende fornire i principali parametri termofisici (trasmittanza termica, capacità termica areica e trasmittanza termica periodica) dei componenti opachi dell'involucro maggiormente utilizzati negli edifici esistenti. L'abaco, che comprenderà anche le strutture orizzontali, costituisce un valido aiuto nel reperimento dei parametri termofisici necessari alle valutazione energetiche degli edifici esistenti nel caso in cui non sia nota la stratigrafia delle strutture in esame.

Rappresenta invece l'adozione del rapporto tecnico CEN/TR 16563 il progetto U96001940, che intende definire i principi della procedura attraverso la quale viene ad essere stabilita l'equivalenza in termini di durabilità, tra un calcestruzzo di riferimento e un calcestruzzo con una determinata composizione. Rappresenta un primo sviluppo dell'approccio verso l'implementazione di requisiti di performance nel settore del calcestruzzo, in linea con le esigenze espresse dal Regolamento dei prodotti da costruzione (CPR). La competenza è della Commissione Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato.

Aspettiamo i vostri commenti!

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.