Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La Commisione Ingegneria strutturale intende avviare i lavori per la messa a punto di due nuove norme nazionali: i progetti si trovano nella fase di inchiesta pubblica preliminare sino al 17 settembre. Oltre a segnalare il proprio interesse a partecipare ai lavori di normazione, entro quella data i progetti sono disponibili per eventuali commenti e possono essere consultati nelle apposite pagine del sito web (vai alla banca dati >>).

Revisione della norma UNI 11262-1 del 2008, il progetto U73002800 "Scaffalature metalliche - Scaffalature commerciali di acciaio - Requisiti, metodi di calcolo e prove, fornitura, uso e manutenzione" fornisce istruzioni per la progettazione e la costruzione di scaffalature commerciali delle tipologie "a gondola" e "murali", al fine di garantirne la stabilità e la sicurezza nell'utilizzo. Per tali scaffalature, caratterizzate dall'avere operazioni di carico e scarico fatte a mano senza l'ausilio di carrelli elevatori o altri mezzi meccanici di movimentazione, la norma stabilisce le tolleranze e i requisiti per il corretto montaggio, le prescrizioni per la manutenzione e i criteri di sicurezza nell'utilizzo. La norma riporta un aggiornamento dei metodi di calcolo, un ampliamento dei metodi di prova e l'inserimento di una sezione dedicata al montaggio, uso e manutenzione.

Il progetto U73002810, futuro rapporto tecnico, ha l'obiettivo di definire delle linee guida per il monitoraggio delle strutture, individuando i criteri di progettazione dei sistemi di monitoraggio e le metodologie di identificazione dello stato delle strutture sulla base di classi e tipologie strutturali per le quali si raccomanda l'impiego dei sistemi di monitoraggio strutturale. Dal titolo "Linee guida per il monitoraggio delle strutture", il documento individua le caratteristiche e i requisiti dei componenti logici del sistema e le metodologie di rilevamento e di analisi dei dati, oltre alle metodologie di identificazione del danneggiamento e del degrado dei materiali.
Il tema del monitoraggio strutturale, se da un lato ha un'utilità immediata nel fornire un supporto attendibile per la gestione delle opere di ingegneria, ha d'altro canto una importante utilità di prospettiva poiché, soprattutto se il sistema di monitoraggio è esteso al rilevamento dei parametri che caratterizzano le azioni e le condizioni ambientali, può consentire una migliore conoscenza dei fenomeni che interessano la costruzione e il suo degrado e quindi l'affinamento dei metodi e dei criteri generali di progettazione strutturale.

Il futuro TR può favorire lo sviluppo del know-how e la diffusione delle tecniche di monitoraggio strutturale, migliorando la competitività delle imprese italiane sui mercati internazionali.

 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.