Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

I sistemi di gestione documentale devono essere interpretati come sistemi gestionali che interessano l'intera organizzazione. Le norme sui sistemi di gestione documentale costituiscono infatti un approccio strategico in grado di coadiuvare l'implementazione dei processi operativi di gestione documentale all'interno del quadro complessivo definito dai sistemi gestionali dell'organizzazione.

In questo ambito la Commissione tecnica Documentazione e informazione propone l'adozione di due norme internazionali: il progetto U30041190 "Informazione e documentazione - Sistemi di gestione documentale – Fondamenti e vocabolario" (adozione ISO 30300:2011) fornisce i termini e le definizioni che possono essere utilizzati nelle norme sui sistemi di gestione documentale (MSR). Il progetto U30041200 "Informazione e documentazione - Sistemi di gestione documentale – Requisiti" (adozione ISO 30301:2011) specifica invece i requisiti che devono essere soddisfatti da un sistema di gestione documentale al fine di supportare un'organizzazione nel compimento del suo mandato e della sua missione, e nella realizzazione della sua strategia e dei suoi obiettivi.

Le norme si rendono necessarie per articolare i principi generali della gestione documentale, per farne comprendere il ruolo e il valore strategico. Tra i benefici attesi dall'adozione delle due norme internazionali:

  • politiche comuni e prassi condivise tra differenti paesi, culture e sistemi giuridici;
  • supporto ai processi di gestione del rischio, inclusa la sicurezza e la privacy;
  • supporto alla continuità dell'azione amministrativa e delle attività dell'organizzazione;
  • supporto ai processi di misurazione delle prestazioni dei sistemi;
  • integrazione con la famiglia delle norme sui sistemi gestionali in generale, e con la famiglia delle norme ISO 9000 in particolare;
  • miglioramento dell'efficienza generale dell'organizzazione.

A partire dal 24 luglio sino al 8 agosto i due progetti resteranno nella fase dell'inchiesta pubblica preliminare, fase fondamentale per vagliare preventivamente le esigenze del mercato. Entro giovedì 8 agosto chi fosse interessato può inviare i propri commenti a UNI attraverso le pagine web dell'Inchiesta pubblica preliminare.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.