Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Sono entrati in fase di inchiesta pubblica finale (vd. banca dati online) dieci nuovi progetti di norma che, sino al prossimo 25 agosto, resteranno a disposizione sul sito e aperti ai commenti di chiunque sia interessato.

Il progetto E1325D87C su requisiti e metodi di prova di “cariche ottenute da macinazione di scarti industriali e/o da post consumo di compositi di materiale plastico”, di competenza dell’UNIPLAST, sostituisce la attuale norma UNI 10667-13:2009 e si applica alle materie prime-secondarie provenienti da scarti di lavorazione e/o post consumo.

Riguarda invece le generalità e i metodi di prova delle rondelle elastiche spaccate il progetto U2404B930, elaborato dalla Commissione tecnica “Organi meccanici”. In questo caso la norma sostituisce la UNI 1751:1988.

La Commissione “Saldature”, insieme ad UNIPLAST, ha invece elaborato una specifica tecnica sulla specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali termoplastici. Il progetto U28000290 integra e definisce le modalità di preparazione dei saggi di prova di saldatura secondo quanto indicato nella ISO 11413 e ISO 11414 per ciò che riguarda l’attività di fabbricazione e può essere utilizzata per quanto previsto nella UNI EN 12007-2.

Il progetto U42009630, elaborato dalla Commissione “Tecnologie biomediche e diagnostiche”, specifica i requisiti di sicurezza e di prestazione e i metodi di prova delle calzature ortopediche di serie predisposte per plantari.

Sono cinque (U59098060, U59098070, U59098080, U59098140, U59098720) i progetti, di competenza della Commissione “Agroalimentare”, che trattano la definizione, la composizione e le caratteristiche di diversi tipi di formaggio (mozzarella, ricotta fresca, mascarpone, crescenza o stracchino). La presenza sul mercato europeo di formaggi con le stesse denominazioni merceologiche ma con caratteristiche diverse fa emergere la necessità di una definizione delle caratteristiche di tali formaggi.

L’ultimo progetto (U81041480) riguarda infine il trattamento a fine vita delle unità da diporto, naviglio minore e definisce la terminologia e i requisiti per effettuare il trattamento a fine vita di unità da diporto di lunghezza dello scafo (LH) fino a 24 m. Di competenza della Commissione tecnica “Navale”, la norma è realizzata in risposta alle esigenze della comunità sociale, dei progettisti, dell’industria cantieristica nazionale, dei distributori di prodotto, dei proprietari di unità nautiche o di attrezzature per la costruzione giunte a fine vita, con la massima attenzione alla tutela della salute dell’uomo e al rispetto dell’ambiente.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.