Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Si è svolto il 10 giugno a Milano un seminario informativo organizzato da UNI e ACCREDIA sulla nuova norma UNI CEI EN ISO/IEC 17065:2012 "Valutazione della conformità - Requisiti per organismi che certificano prodotti, processi e servizi" che ha sostituito la vecchia UNI CEI 45011 rimasta in vigore per circa 12 anni.

Guarda le interviste a:
> Nicola Gigante
> Filippo Trifiletti
> Alessandro Santoro

Va sottolineato che dietro il termine "valutazione della conformità" (o conformity assessment) si celano tutta una serie di attività che vanno dall'accreditamento di un laboratorio di prova alla certificazione di un singolo prodotto, dall'ispezione di un impianto industriale alla certificazione di un professionista.
Come spiega Nicola Gigante (membro della Commissione UNI Gestione per la qualità e metodi statistici e ispettore Accredia) la ISO 17065 "acquisisce buona parte dei contenuti della precedente guida GD 5 di IAF (International Accreditation Forum) la quale, a sua volta, forniva indicazioni interpretative per l'applicazione della 45011 o meglio della guida ISO/IEC 65 che ne costituiva la versione internazionale. Tra le novità introdotte, la nuova norma mette particolarmente in risalto l'aspetto della gestione dei reclami e dei ricorsi così come pure introduce il concetto di meccanismo per la salvaguardia della imparzialità".

"Si tratta di un documento importante – dice il direttore generale di Accredia Filippo Trifilettiin particolare nel nostro paese in cui l'Ente che rappresento sta rilasciando gli accreditamenti per buona parte degli organismi notificati, cioè quegli organismi che svolgono attività di verifica della conformità in base alle direttive comunitarie del pacchetto Nuovo approccio".
L'International Accreditation Forum ha stabilito un periodo di transizione di tre anni dalla data di pubblicazione per adeguarsi alla nuova norma, quindi entro il 15 settembre 2015 tutti i certificati emessi a fronte della 45011 dovranno essere adeguati alla 17065.

Tra l'altro, proprio in questi giorni, si è conclusa la procedura di voto formale per un'altra norma del settore: la nuova ISO/IEC 17067 che – se sarà approvata – costituirà un complemento importante della 17065 in quanto stabilisce fondamenti per la certificazione di prodotto e linee guida per gli schemi di certificazione di prodotto.

Per quanto riguarda la formazione degli ispettori che effettuano la valutazione di conformità dei sistemi di gestione (ad esempio della qualità, ambientale, ecc.) il direttore generale UNI, Alessandro Santoro, ribadendo l'importanza di ruolo, informazione e formazione di tali figure professionali ha anche sottolineato l'importanza del fattore umano, ossia della capacità e della sensibilità di approccio che l'ispettore deve avere verso l'utente, in modo da individuare coerentemente e correttamente sia le esigenze sia i miglioramenti che possono essere necessari.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.