Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Nasce dalla necessità di regolamentare il mercato a diversi livelli, considerando sia i rapporti tra il produttore del trattamento e l'applicatore (industriale o posatore), sia tra il fornitore del pavimento e il consumatore finale, il progetto di norma U40006241 della commissione Legno.
Dal titolo "Finiture per il legno - Requisiti prestazionali per trattamenti di protezione superficiale per pavimentazioni di legno - Parte 1: Pavimentazioni per uso interno", il documento stabilisce i requisiti minimi per trattamenti di protezione superficiale per pavimentazioni di legno da destinare ad ambienti interni a impiego residenziale e non residenziale.
Di interesse per posatori, produttori, consumatori, progettisti e imprese, la futura norma vuole essere un punto di riferimento per un settore che spesso soffre di una mancata chiarezza e trasparenza sulle prestazioni attendibili da un pavimento di legno trattato. Il documento intende stabilire innanzitutto quali sono i metodi di prova da considerare in relazione alle caratteristiche misurabili e significative per questa tipologia di prodotti. Secondariamente la norma stabilirà i requisiti minimi per ogni proprietà misurata in relazione alla destinazione d'uso prevista.
I benefici attesi sono molteplici e vanno dalla possibilità di produrre o mettere a punto trattamenti considerabili univocamente efficaci dal mercato, consentire confronti e scelte basate su parametri oggettivi, dirimere eventuali contestazioni.

Stabilisce invece un metodo per valutare la tendenza delle superfici dei mobili a ritenere lo sporco il secondo progetto, che costituisce la revisione della UNI 9300:1988. Il documento U40006230 "Finiture del legno e dei mobili - Prove sulle finiture delle superfici - Determinazione della tendenza delle superfici a ritenere lo sporco" fornisce il metodo sia per confrontare sistemi di finitura diversi sia come prova di controllo per assicurare che un determinato livello di prestazioni sia mantenuto o raggiunto.
Tale metodo, presente in alcuni capitolati e molto impiegato per la caratterizzazione delle superfici dei mobili, necessitava una revisione e un aggiornamento alle attuali esigenze di maggiori specificazioni su materiali, attrezzature e procedure, per garantirne l'efficacia in termini di ripetibilità e riproducibilità.
La necessità riscontrata dal mercato è quella di disporre di uno strumento normativo per confronti oggettivi sulle prestazioni di un pavimento verniciato. I benefici sono quelli di una maggior chiarezza e trasparenza nelle relazioni commerciali tra tutti gli operatori del settore, compresi i consumatori finali.
La futura norma è rivolta a produttori di materie prime (per esempio prodotti vernicianti, carte impregnate, laminati e foglie polimeriche), produttori di mobili e terzisti specializzati nell'applicazione di finiture.
Di competenza della Commissione Legno, il documento vede coinvolta nei lavori anche la commssione Mobili.

L'inchiesta pubblica preliminare (consulta la banca dati >>) terminerà martedì 25 giugno, data entro la quale è possibile inviare commenti e segnalare il proprio interesse a partecipare ai lavori di normazione.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.