Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Si è tenuta a Milano, il 17 maggio scorso, una riunione del WG 4 ("Walk-in cold rooms") del CEN/TC 44 "Commercial refrigerated cabinets, catering refrigerating appliances and industrial refrigeration".
Le “walk-in cold rooms” sono celle frigorifere di dimensioni tali da permettere l’ingresso delle persone. Molto utilizzate nella grande distribuzione come negli esercizi commerciali che trattano prodotti alimentari, le walk-in cold rooms hanno requisiti specifici che devono allinearsi, tra l’altro, agli obiettivi energetici della direttiva europea sull’ecodesign (2009/125/EC), un provvedimento comunitario nato con l’intento di integrare gli aspetti ambientali nella progettazione di prodotto, al fine di migliorarne la sostenibilità durante tutto il ciclo di vita.

m fregugliaUn dato significativo è dato dal forte ruolo italiano nel campo della refrigerazione commerciale e professionale: un ruolo evidenziato dalla preminente presenza del nostro Paese nell’organigramma del CEN/TC 44: segreteria UNI e coordinamento dei gruppi di lavoro attraverso i quali si articola tutta l’attività del comitato.
Non siamo ovviamente gli unici in Europa a svolgere attività industriale in questo settore, però siamo stati i primi ad avere il Benestare Tecnico Europeo (European Technical Approval, ETA, una delle modalità previste dalla direttiva europea per l'attestazione della conformità dei prodotti,n.d.r.) per quanto riguarda le celle frigorifere.” – dice Mauro Freguglia, coordinatore del WG 4 ‘Walk-in cold rooms’ – “Anche per questo ci siamo proposti con il ruolo di coordinatori dell’attività normativa a livello europeo.

La riunione del gruppo di lavoro si è incentrata sull’attività di elaborazione – già ben avviata - di un documento importante: “Il documentoWalk-in cold rooms – Definition, thermal insulation performance and test methods – Part 1: Prefabricated cold room kits’  dovrebbe essere la base per i riferimenti di test e metodi di prova per valutare i componenti delle celle frigorifere (pannelli, porte, finestre, angolari, pavimenti) e la cella nel suo insieme. Si tratta in particolare di fissare criteri per la prestazione termica di questi impianti.
Il concetto di prestazione termica è fondamentale: è anche attraverso questo parametro che è possibile valutare quanto un prodotto sia di fatto ecosostenibile.
Va ricordato che i lavori del WG 4 in questo ambito”, prosegue Freguglia, “avvengono sotto mandato dell’Unione europea.
E’ dunque un’attività che si svolge sotto l’occhio vigile delle istituzioni europee che testimonia quel circolo virtuoso tra legislazione e normazione tecnica che è uno dei punti di forza della strategia comunitaria sin dai tempi del Nuovo Approccio, ma che giocoforza sconta anche qualche inevitabile rallentamento dovuto al numero di soggetti coinvolti in questo delicato iter di elaborazione del testo normativo.

I lavori del WG 4 sono a buon punto e proseguiranno nei prossimi mesi.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.