Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Attualmente non sussistono specifici requisiti per operare quale professionista in molti ambiti della ristorazione commerciale e/o collettiva industriale, nelle cucine sperimentali dell'industria alimentare o nella didattica tecnico-pratica della professione. Con la definizione e la qualificazione della figura professionale del cuoco professionista o dello chef di cucina in conformità all'European Qualification Framework-EQF, tutta la categoria ne trarrebbe immediato giovamento e il mercato ritroverebbe nella competenza e professionalità di tale figura un sicuro e certo punto di riferimento.
Il progetto di norma nazionale U59568770 "Attività professionali non regolamentate - Cuoco professionista - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza" intende portare benefici al settore ristorativo commerciale, derivanti anche dalla tutela specifica di quella grande risorsa culturale ed economica che la cucina italiana rappresenta per il nostro paese e la sua promozione all'estero.
Il documento specifica i requisiti relativi all'attività professionale del cuoco professionista, ossia la figura professionale operante nel settore alimentare addetto alla manipolazione e trasformazione di alimenti, elaborazione e preparazione dei pasti, realizzazione di pietanze, ricette e menù attraverso distinte tecniche di approvvigionamento, conservazione, cottura, abbinamento e presentazione dei cibi.
L'attività di normazione in questo campo risulta necessaria per definire e qualificare l'attività professionale in oggetto, fornire garanzie di qualità al mercato, aumentare il riconoscimento professionale dei singoli professionisti e dargli strumenti che possano adeguatamente differenziare il proprio posizionamento competitivo sul mercato, fornire un utile strumento al legislatore in un'ottica di complementarità tra la normazione tecnica volontaria e il settore cogente. Tra le componenti significative interessate alla norma: la Federazione Italiana Cuochi, CNA Professioni, l'Ente Bilaterale del Turismo, il Dipartimento Sicurezza alimentare del Ministero della Salute.

In tema di latte e prodotti derivati, il progetto U59098830 "Latte e prodotti derivati - Caglio di vitello e caglio di bovino adulto – Determinazione mediante cromatografia del contenuto di chimosina e di pepsina bovina" (che sostituisce la norma UNI 10538 del1995) specifica un metodo di riferimento per la determinazione della quantità di chimosina e pepsina bovina presenti in un campione di prova di caglio di vitello e di caglio di bovino adulto. Il documento U59098840 "Latte e prodotti derivati - Determinazione del contenuto di azoto e calcolo delle proteine grezze - Metodo Kjeldahl", futura specifica tecnica, fornisce invece un metodo per la determinazione del contenuto di azoto totale e proteine grezze (da calcolo) in prodotti di formaggi fusi utilizzando il principio del metodo Kjeldahl, tradizionale e con blocco di digestione. I metodi specificati sono applicabili al latte intero e scremato vaccino, caprino e ovino, e a formaggi duri semi-duri e fusi.

Infine, il quarto progetto U59528800, revisione della norma UNI 11127, specifica i requisiti degli imballaggi primari di PET destinati a contenere le bevande imbottigliate a temperatura ambiente: si applica alle acque e alle bevande piatte, addizionate di anidride carbonica, aromatizzate e a base di succo e al latte fresco pastorizzato. Dal titolo "Condizionamento alimentare - Requisiti degli imballaggi primari di PET destinati a contenere le bevande", la futura norma intende aggiornare gli aspetti tecnici, scientifici e commerciali per una maggiore applicabilità nella filiera coinvolta, fornire un adeguamento alle nuove tecnologie e introdurre nuove specifiche sul PET riciclato.

Tutti i progetti sono di competenza della commissione tecnica Agroalimentare.

Oltre a segnalare il proprio interesse a partecipare ai lavori di normazione, fino al 31 maggio 2013 sarà possibile consultare i documenti e inoltrare i propri commenti utilizzando l'apposito form a disposizione sul sito internet, alle pagine dell'Inchiesta pubblica preliminare.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.