Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La necessità di mitigazione delle vibrazioni e dei rumori solidi (o strutturali) indotti dalle ferrovie, dalle metropolitane e dalle tranvie, richiede sempre più frequentemente l'impiego di materassini elastomerici per armamenti ferrotranviari, che possono essere stesi direttamente sul piano di posa prima della messa in opera del ballast (materassini sotto–ballast), o inseriti tra piano di posa e platee ferrotranviarie flottanti (materassini sotto–piastra).
Il largo ricorso a materassini elastomerici richiede di normare le modalità di indagine, verifica e controllo per la valutazione delle loro caratteristiche meccaniche e di invecchiamento meccanico e ambientale, da utilizzare per la costruzione degli armamenti ferrotranviari.

La commissione tecnica Acustica e vibrazioni - in collaborazione con la commissione Trasporto guidato su ferro – ha elaborato il progetto di norma U20022440 "Elementi antivibranti - Materassini elastomerici per armamenti ferrotranviari - Indagini di qualifica e controllo delle caratteristiche meccaniche e delle prestazioni", che definisce le modalità di prova per la verifica e il controllo di tali materassini. Definisce inoltre le modalità di prova per la qualifica e il controllo attraverso prove meccaniche e prestazionali in laboratorio.
Le prove di caratterizzazione meccanica previste nella norma sono: prove quasi-statiche, prove di simulazione e prove dinamiche. Le prove prestazionali previste sono: prove a carico permanente, prove a fatica (invecchiamento meccanico), prove di resistenza al gelo con presenza d'acqua, prove di resistenza alle condizioni ambientali e prove di adeguatezza alla successiva posa.

La futura norma – che sostituisce la UNI 11059:2003 – sarà di supporto per condurre scelte corrette dei materassini in fase di progettazione, per formulare confronti relativamente al rapporto costi/prestazioni tra più prodotti disponendo di parametri tecnici facilmente comparabili e per eseguire controlli in fase di costruzione ed esercizio.

L'inchiesta pubblica finale terminerà il 2 luglio prossimo. Entro tale data tutti i soggetti interessati possono scaricare liberamente il testo del progetto di norma, in formato PDF, dalle pagine del sito (NORMAZIONE > UNI: inchiesta pubblica finale) e inviare i propri commenti.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.