Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

rapport-web-normes-finalLo scorso 26 marzo Alain Lambert (presidente del Consiglio Generale e presidente della Commission Consultative d'Évaluation des Normes) e Jean-Claude Boulard (Sindaco di Le Mans) hanno presentato al Primo ministro francese la propria relazione per la lotta contro l'inflazione normativa in termini di efficienza e di efficacia. Il Rapporto mette in luce i vantaggi del sistema di normazione, mosso da AFNOR (l'Ente francese di normazione), e l'utilità di fornire metodi di valutazione standard nella complessità delle procedure amministrative.

Secondo quanto riportato nel Rapport de la Mission de lutte contre l'inflation normative: "Le normative giuridicamente vincolanti dovrebbero limitarsi a fissare gli obiettivi da raggiungere (obbligatori) e rimandare i mezzi per la loro attuazione alle norme tecniche e ad altri strumenti del diritto contrattuale: accordi piuttosto che ordinanze, documenti piuttosto che circolari. Con un nuovo approccio alla produzione normativa, invece di considerare una norma obbligatoria, e per deroga volontaria (o contrattuale), bisogna giungere a privilegiare lo strumento della norma volontaria ogni qualvolta sia impossibile provare che l'obbligatorietà garantisca risultati migliori.
In Francia questo "nuovo approccio" normativo applicato alle collettività permetterà di avere un complesso di norme giuridiche efficace e aggiornato, in costante crescita, che si inscrive in un processo di rottura con la tradizione di un diritto pubblico unilateralmente imperativo".

Olivier Payrat, direttore generale del Gruppo AFNOR, commenta: "Siamo soddisfatti dei risultati del Rapporto perché emerge una chiara distinzione tra le norme di carattere regolamentare e le norme volontarie, elaborate da e per i professionisti. Gli autori valorizzano la complementarità tra Regolamentazione e Normazione come nel "Nuovo Approccio" europeo, che lascia alla normazione la cura di mettere in opera le direttive europee.
Il Rapporto difende il ruolo efficace svolto dalle norme volontarie per i funzionari eletti dei comuni e dipartimenti locali francesi: strumenti utili a chiarire i requisiti e le necessità in materia di appalti pubblici, di lavoro, di concessione di servizi pubblici, che permettono alla concorrenza di esprimersi su basi oggettive in materia di costruzioni, di promozione e valutazione della qualità dei servizi, per permettere ai responsabili di progetto di chiarire e definire le loro responsabilità...".

Il Rapporto è liberamente consultabile - in formato PDF - all'indirizzo:
missionnormes.fr/wp-content/uploads/2013/03/rapport-web-normes-final.pdf

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.