Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La commissione Ambiente propone un progetto di norma nazionale (U53002930) che specifica un metodo di campionamento ed analisi dei gas emissivi per la determinazione della concentrazione di H2S. La norma è indispensabile in quanto non esiste ancora né a livello nazionale né europeo un metodo per la determinazione dell'H2S (idrogeno solforato), un dannoso inquinante.

Dal titolo "Emissioni da sorgente fissa - Determinazione di idrogeno solforato (H2S) negli effluenti", la futura norma specifica un metodo di campionamento che si applica agli effluenti gassosi convogliati provenienti da impianti industriali e, più in generale, ai gas residui in cui la concentrazione di H2S può variare da 1 mg m-3 a 500 mg m-3 in condizioni tipiche di pressione e temperatura.

Tra le componenti interessate all'elaborazione della norma il CNR, l'INAIL, RSE-Ricerca sul Sistema Energetico Spa, SNAM Rete Gas, Progress Srl.

Il progetto è sottoposto in questi giorni all'inchiesta pubblica preliminare, che terminerà il 13 aprile. Fino a quella data il progetto è disponibile per eventuali commenti e può essere consultato nelle apposite pagine del sito web (vai alla banca dati >>).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.