Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Nasce da un progetto finanziato dalla Commissione europea per lo sviluppo di prodotti alimentari che pur essendo a buon mercato siano anche sani, ed avrà lo scopo di elaborare un documento, CEN Workshop Agreement (CWA), che dovrà stabilire i requisiti qualitativi degli ingredienti che costituiscono gli alimenti prototipo sviluppati dal progetto CHANCE. Stiamo parlando del nuovo CEN Workshop 70 "Healthy food for people at risk of poverty – CHANCE", che si riunirà per la prima volta il 5 aprile a Bruxelles.

Il progetto europeo CHANCE da cui appunto prenderà l'avvio il CEN/WS 70, è coordinato dall'Università di Bologna e ha adottato un nuovo approccio multidisciplinare per indagare e proporre delle soluzioni che contribuiscano a prevenire i comuni problemi di carattere nutrizionale nelle persone a rischio povertà. In sostanza, il punto di partenza del progetto CHANCE è la constatazione che esiste un legame diretto tra capacità di spesa e qualità del cibo, in virtù del quale minori sono le risorse economiche maggiori sono gli squilibri nel regime alimentare, con una forte propensione all'acquisto di quello che viene definito junk-food (cibo spazzatura).
La questione non è da sottovalutare: in Europa gli individui a rischio povertà sono 81 milioni, con una forte percentuale di donne e anziani. Altro fattore da considerare è il livello di istruzione: più è alto, maggiore è la capacità di comprendere le informazioni di carattere nutrizionale che a loro volta influenzano le abitudini alimentari, come ad esempio il consumo di frutta e verdura. La tendenza riscontrata nelle fasce con istruzione più bassa è quella di nutrirsi male, sviluppando patologie quali l'obesità, il diabete o disturbi cardiaci.

Rendere il cibo sano, accessibile e bilanciato dal punto di vista nutrizionale esplorando tecnologie ed ingredienti a basso costo come i sottoprodotti che derivano dalla produzione di succhi di frutta e di altri derivati dalle lavorazioni degli alimenti: è dunque a questo che mira principalmente il progetto europeo. Si è partiti dall'analisi dei principali gruppi a rischio povertà per individuare le criticità nutrizionali e gli ostacoli al mangiare sano che le persone a rischio povertà percepiscono individualmente. Si è successivamente passati alla selezione degli ingredienti e delle materie prime adatte alla produzione di nuovi prodotti alimentari, che per le loro caratteristiche siano da un lato appetibili e dall'altro sufficientemente a buon mercato per essere acquistati dai gruppi a rischio povertà. Ed infine, si sono sviluppati dei veri e propri prototipi di alimenti con proprietà nutrizionali adeguate e caratteristiche che risultano attraenti per le persone a rischio povertà.

Partendo dunque dal progetto europeo, il CEN/WS 70 si prefigge di definire i requisiti qualitativi che questi nuovi prodotti alimentari dovranno avere, senza tralasciare da un lato i metodi di prova per la determinazione della stabilità e della conservabilità dei prodotti, dall'altro i requisiti per il loro confezionamento e marcatura. Ma l'intento è anche quello di sfruttare il carattere innovativo dei CEN Workshop Agreement per divulgare e dare ai risultati delle ricerche condotte nell'ambito del progetto europeo CHANCE maggior visibilità anche presso le istituzioni, le organizzazioni dei consumatori e il mondo della produzione alimentare.

Come per tutti i CEN Workshop, anche per il CEN/WS 70 i lavori sono aperti a tutte le organizzazioni interessate e il primo appuntamento è per il prossimo 5 aprile a Bruxelles presso la sede del CEN/CENELEC.

Per maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione è possibile contattare la Segreteria CEN/WS 70:

Elena Mocchio
Funzionario Sviluppo Progetti
Direzione Relazioni Esterne, Sviluppo e Innovazione - UNI
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.