Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

stampa industrialeA pochi giorni dalla sua pubblicazione, la prassi di riferimento “Aziende di stampa industriale - Obblighi, responsabilità e aspetti gestionali per la sicurezza sul lavoro e la tutela ambientale” (UNI/PdR 3:2013) è stata presentata, lo scorso 7 marzo, nella sede Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali) di via Petrarca a Milano.
Il documento, fortemente voluto dall’Osservatorio tecnico Carlo Lombardi nella sua veste di ente bilaterale per i lavoratori delle aziende editrici e stampatrici di quotidiani e le agenzie di stampa, definisce le linee di comportamento da seguire per garantire la sicurezza negli stabilimenti di stampa industriale, in particolare offset e flessografica.
All’interno degli stabilimenti di stampa si verificano problematiche molto specifiche”, spiega il Direttore Relazioni esterne, sviluppo e innovazione UNI Ruggero Lensi, “ad esempio legate al fatto che i giornali si stampano di notte o che la stampa deve avvenire in tempi molto stretti. Dunque –aggiunge Lensi -  l’applicazione delle leggi e dei regolamenti sulla sicurezza, secondo le aziende, necessitava di una maggiore descrizione del caso specifico”.

Gli aspetti oggetto di specifico approfondimento vanno dalla organizzazione aziendale per la sicurezza e tutela dei lavoratori, alla valutazione del rischio, dalla gestione delle emergenze alla istruzione dei lavoratori, dalla sorveglianza sanitaria alla gestione degli appalti, dagli aspetti gestionali per la tutela ambientale alla tenuta della documentazione e agli organi di controllo.
Federico Reviglio dell’Asig (Associazione Stampatori Italiana Giornali), che rappresenta circa 90 stampatori di giornali e quotidiani in tutta Italia e che ha collaborato attivamente alla realizzazione della prassi di riferimento, aggiunge: "Si tratta di tematiche che affrontiamo ogni giorno e che incontrano spesso una certa difficoltà nell’essere trattate nelle realtà più piccole e meno strutturate. Un documento come quello ora pubblicato ci consente di avere un riferimento comune di quei comportamenti che sono considerati corretti. Certamente - conclude Reviglio - sarà un aiuto al disorientamento che deriva da interpretazioni di legge e conflitti da parte delle diverse autorità che vanno ad agire sul territorio".

Le prassi di riferimento non sono norme ma documenti che introducono prescrizioni tecniche o modelli applicativi settoriali di norme tecniche, elaborati sulla base di un rapido processo di condivisione (al massimo 8 mesi dall’approvazione della richiesta) ristretta ai soli autori, sotto la conduzione operativa di UNI.
Il documento” – dichiara il presidente dell’Osservatorio Alberto Di Giovanni – “è nato dall’esigenza ineludibile di affrontare il tema della sicurezza con una metodologia totalmente differente. Prevenire significa affrontare con cura e con educazione questi problemi che, storicamente, sono sempre stati sottovalutati, sia dalle aziende che dagli stessi lavoratori”.
La prassi di riferimento si conferma uno strumento utile per fornire le risposte tempestive che il mercato si attende.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.