Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

prove bacchiatrice oliveLa recente UNI EN ISO 20643:2012 è una norma che si affianca alle più note UNI EN ISO 5349-1 e 5349-2 e che avanza delle richieste specifiche non presenti in queste ultime. Apparentemente è una norma riservata a un gruppo ristretto di esperti poiché l'obiettivo che essa si pone è quello di essere di ausilio nella preparazione delle norme di tipo C, ovvero quelle norme che specificano in modo dettagliato come il costruttore debba eseguire in laboratorio le prove per la misurazione dell'emissione vibratoria delle proprie macchine.

La necessità di determinare il livello di vibrazioni emesso dalle macchine nasce dalla specifica richiesta della direttiva Macchine (2006/42/EC) che consente di immettere sul mercato solo macchine che soddisfino tutte le normative di sicurezza in vigore in quel momento e stabilisce che i costruttori debbano fornire, tra le altre cose, i livelli di rumore e di vibrazione delle macchine da loro prodotte prima che esse siano messe in commercio.

Una volta che le macchine sono state progettate e costruite in modo da limitare al minimo l'emissione di rumore e vibrazioni, si devono quantificare questi valori. Esse devono essere controllate secondo norme tecniche che indicano come e dove provarle: il costruttore esegue le prove sulle macchine in laboratorio, facendo simulare dei cicli lavorativi, perché solo utilizzando procedure artificiali, facilmente riproponibili, può essere raggiunto l'obiettivo di ottenere risultati attendibili e, soprattutto, verificabili come richiesto dalla norma UNI EN 12096 "Vibrazioni meccaniche - Dichiarazione e verifica dei valori di emissione vibratoria".

La UNI EN ISO 20643 "Vibrazioni meccaniche - Macchine portatili e condotte a mano - Principi per la valutazione della emissione di vibrazioni" è utile per determinare il livello di vibrazioni emesso da quelle macchine, portate o guidate a mano dall'operatore, che non hanno una specifica norma di tipo C; si applica a tutte le macchine sorrette (martelli demolitori, trapani, smerigliatrici, etc.) o guidate a mano tramite manubri (rasaerba, motozappe, rulli vibratori, etc.) e altri tipi di macchine munite di una sorgente di potenza, indipendentemente dalla loro alimentazione (elettrica, idraulica, pneumatica, motore a combustione interna, etc.).

La misurazione delle vibrazioni sul posto di lavoro è un'operazione spesso complicata e costosa e l'emissione dei valori di vibrazione determinati dal costruttore - che ha eseguito i test in laboratorio basandosi su norme di tipo C - può deviare dai valori di esposizione misurati sul posto di lavoro. Ecco il motivo per cui è stata redatta la nuova norma EN ISO 20643...

Un quadro più dettagliato in tema di vibrazioni meccaniche e sulla UNI EN ISO 20643:2012 sarà pubblicato in un articolo sulla rivista U&C - Unificazione&Certificazione a firma di Roberto Deboli e Angela Calvo rispettivamente dell'Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra del CNR e della Facoltà di Agraria di Torino.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.