Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La commissione Sicurezza sottopone a inchiesta pubblica preliminare un progetto di norma – futuro rapporto tecnico - in tema di World Class Manufacturing e integrazione della sicurezza nei processi produttivi.

Nel quadro nazionale dei bisogni delle aziende italiane, sempre più chiamate a competere a livello globale, il ruolo delle risorse umane è determinante per il raggiungimento di obiettivi di qualità e di economicità di produzione. Il progetto U5000B650 può dare un contributo di chiarezza soprattutto se rivolto nei confronti delle PMI (oltre il 98% delle imprese italiane) che, in quanto tali, non hanno le risorse per affidarsi a studi di consulenza qualificati. Gli indirizzi, dunque, espressi in uno specifico TR comportano un beneficio consistente in termini di chiarezza, di uniformità di approccio alle problematiche e di facilitazione applicativa per quelle imprese che intendono liberamente avviare un processo di revisione organizzativa atta a raggiungere gli obiettivi di qualità, economicità e sicurezza delle proprie aziende, attraverso l'utilizzazione della metodologia WCM.
A tutto questo si aggiunge il fondamentale beneficio per la società civile e per le aziende - aspetto che maggiormente interessa la commissione Sicurezza - costituito da un approccio integrato della sicurezza nei processi di gestione aziendale che ci auguriamo porterà ad una riduzione consistente del fenomeno infortunistico sul lavoro nel nostro Paese.

La metodologia WCM consente di ottenere consistenti economie di gestione, maggiore qualità dei prodotti, massimo avvicinamento alle aspettative dei clienti: maggiore competitività quindi dell'azienda nel mercato globale, integrando in modo coerente e sinergico innovazione tecnologica, qualità dei prodotti, riduzione dei costi di gestione e valorizzazione delle risorse umane, in particolare attraverso la salvaguardia della salute e sicurezza sul lavoro (SSL).

Il progetto U5000B650 dal titolo "Sicurezza - World Class Manufacturing e l'integrazione della sicurezza nei processi produttivi - Indirizzi applicativi", ha destato l'interesse di Confindustria, Organizzazioni sindacali dei lavoratori, INAIL.

Fino al 29 gennaio 2013 sarà possibile consultare il documento, inoltrare i propri commenti utilizzando l'apposito form a disposizione sul sito internet, alle pagine dell'Inchiesta pubblica preliminare e segnalare il proprio interesse a partecipare ai lavori di normazione su questo tema.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.