Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La scelta di una malta da restauro non può prescindere dalla sua adeguatezza rispetto alla funzione che dovrà assolvere, dalla compatibilità con i materiali costitutivi del manufatto oggetto del restauro e dalle condizioni ambientali in cui il manufatto è inserito.

Elaborato dalla commissione Beni culturali - NORMAL, il progetto U84000720 si trova dal 30 novembre scorso nella fase di inchiesta pubblica finale. Il documento contiene le linee guida per la classificazione, la definizione della composizione e la valutazione delle caratteristiche prestazionali delle malte che devono essere impiegate negli interventi di restauro di manufatti e opere di interesse storico-artistico-architettonico-archeologico.

Dal titolo "Beni culturali - Linee guida per la classificazione, la definizione della composizione e la valutazione delle caratteristiche prestazionali delle malte da restauro", il progetto si applica sia all'ambito dei manufatti e degli edifici di interesse storico-culturale e ambientale sia al campo più esteso di quelli non vincolati.

In base alla funzione che una malta da restauro deve assolvere, vanno definite sia la composizione (natura e caratteristiche dei componenti in termini qualitativi e quantitativi) che le caratteristiche prestazionali e di durabilità e quindi la compatibilità dei materiali costituenti con quelli preesistenti.

La caratterizzazione dei materiali in opera, l'identificazione dei processi di degrado in atto, la conoscenza delle condizioni ambientali sono quindi elementi indispensabili per la scelta della malta da restauro più idonea a risolvere i problemi di conservazione.

Il progetto è consultabile online. I commenti devono essere inviati – entro il 29 gennaio 2013 - utilizzando l'apposito form a disposizione sul sito internet, nella sezione NORMAZIONE – UNI: inchiesta pubblica finale.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.