Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Sono tre i progetti di norma UNI entrati il 12 novembre nella fase di inchiesta pubblica finale: una fase fondamentale del processo di elaborazione delle norme in cui il progetto elaborato e approvato dall'organo tecnico competente viene messo a disposizione di tutti gli operatori al fine di raccogliere i commenti e ottenere il consenso più allargato possibile.
Tutti i soggetti interessati possono consultare i testi dei progetti online e inviare i propri commenti, utilizzando l'apposito form a disposizione sul sito internet, nella sezione NORMAZIONE – UNI: inchiesta pubblica finale. C'è tempo fino all'11 gennaio 2013.

Il primo progetto (E0323A980) di competenza di CUNA – Ente federato UNI – riguarda le macchine per la protezione delle colture. Negli ultimi anni il controllo della deriva del prodotto fitoiatrico ha assunto sempre maggiore importanza e la principale misura di prevenzione dei rischi di contaminazione dell'ambiente legati a tale fenomeno è stata l'adozione di fasce di rispetto lungo i margini dei campi trattati.
Il documento, che specifica la procedura di classificazione delle barre irroratrici per colture erbacee in funzione della deriva, ha lo scopo di definire le procedure di prova per misurare la deriva potenziale generata dalle irroratrici a barra generalmente impiegate sulle colture erbacee di pieno campo, attraverso l'impiego di un apposito banco.

La commissione tecnica Saldature, insieme all'Ente federato UNIPLAST, ha elaborato un progetto di norma (U28009270) che definisce i requisiti per la costruzione, il collaudo e la manutenzione di saldatrici per elettrofusione impiegate per l'esecuzione di giunzioni di tubi e/o raccordi in polietilene (PE), mediante raccordi elettrosaldabili, per il trasporto di gas combustibile, di acqua e di altri fluidi in pressione. La norma sostituisce la UNI 10566:1996.

Il terzo progetto U45001210, futura specifica tecnica, è di interesse della commissione Prove non distruttive e vede come co-autore la commissione Acustica e vibrazioni. Il documento intende fornire uno strumento utile per la valutazione dello stato di conservazione dei pali metallici per illuminazione e per l'adozione di eventuali iniziative di tipo manutentivo o di dismissione/sostituzione. Per il controllo dei pali di acciaio si impiegano controlli non distruttivi volti alla ricerca di danneggiamenti dovuti a fenomeni corrosivi e/o cedimenti.
Il progetto descrive il controllo del solo fusto dei pali di acciaio per illuminazione mediante l'impiego di tecniche diagnostiche per rilevare cedimenti e/o danneggiamenti dovuti a fenomeni corrosivi.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.