Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

A partire dal 24 ottobre sino a giovedì 8 novembre resteranno nella fase di inchiesta pubblica preliminare quattro progetti di norma, adozioni di norme internazionali ISO, di competenza della commissione Gomma.

Il progetto U35007661 (adozione della ISO 1431-1:2012) specifica le procedure da utilizzare per la determinazione della resistenza al deterioramento di gomme vulcanizzate o termoplastiche quando esposte, mediante allungamento statico o dinamico, ad aria contenente una concentrazione di ozono predeterminata e a temperature definite in condizioni che escludono gli effetti della luce diretta. La norma nasce dall'esigenza di uniformare, a livello nazionale, la prova in condizioni di deformazioni statiche e dinamiche per la determinazione della resistenza al deterioramento in ozono, adottando il metodo internazionale.

Nasce invece dall'esigenza di uniformare il metodo di determinazione degli effetti di cristallizzazione mediante misurazioni di durezza della gomma, l'adozione della ISO 3387:2012 "Gomma - Determinazione degli effetti di cristallizzazione mediante misurazioni di durezza". Il progetto U35007670 specifica un metodo di prova basato sulle misurazioni di durezza per determinare il progressivo irrigidimento nel tempo della gomma, provocato dalla cristallizzazione.

Il terzo progetto U35007680, che adotta la ISO 5296:2012, intende uniformare a livello nazionale le dimensioni metriche e in pollici delle cinghie tipo MXL, XXL, XL, L, H, XH e XXH: esso stabilisce le caratteristiche principali delle cinghie impiegate nelle trasmissioni sincrone a cinghia per trasmissioni meccaniche di potenza e dove è richiesta una sincronizzazione del moto. Le caratteristiche principali includono: le dimensioni nominali dei denti, le lunghezze, le larghezze, le relative tolleranze, le specifiche delle lunghezze.

Infine il progetto U35007690 "Gomma vulcanizzata - Determinazione dello scorrimento a compressione o taglio", adozione della norma ISO 8013:2012, specifica un metodo per la determinazione dello scorrimento nella gomma vulcanizzata sottoposta continuamente a forza di compressione o taglio. La norma non può essere utilizzata per una deformazione a intermittenza della gomma.

Chi fosse interessato può inviare i propri commenti a UNI attraverso le pagine web dell'Inchiesta pubblica preliminare.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.