Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Il progetto di norma nazionale U84000710, realizzato dalla commissione Beni culturali – NORMAL, è entrato nella fase di inchiesta pubblica finale.
Il documento intende definire un metodo chimico per la valutazione della pozzolanicità di un materiale: tale metodo si basa sull'evidenziazione dell'avvenuta "fissazione" della calce da parte del materiale in esame (saggio di pozzolanicità) ed eventualmente sulla determinazione della quantità di calce fissata.

I metodi atti a valutare la pozzolanicità di un materiale sono di due tipi: metodi fisico–meccanici e metodi chimici. I primi si basano sulla determinazione delle resistenze meccaniche sviluppate dalla reazione pozzolanica (tra l'idrossido di calcio della calce aerea e la silice e l'allumina "reattiva" del materiale in esame) in una malta normalizzata. I secondi si basano sull'evidenziazione dell'avvenuta "fissazione" della calce da parte del materiale in esame (saggio di pozzolanicità) ed eventualmente sulla determinazione della quantità di calce fissata. Il metodo riportato nel progetto di norma è di questo secondo tipo.

Dal titolo "Beni culturali - Valutazione della pozzolanicità di un materiale - Metodo chimico (saggio di pozzolanicità)", il progetto terminerà la fase di inchiesta pubblica fnale il prossimo 2 dicembre. Entro tale data gli interessati possono consultare il progetto (vai alla banca dati) ed eventualmente inoltrare i propri commenti.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.