Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

In data 20 settembre si è riunito a Milano il gruppo di lavoro misto UNI CEI “Servizi per i sistemi di sicurezza antincendio e di allarme anti intrusione, video sorveglianza e controllo accessi”, costituito a livello nazionale per seguire i lavori del Project Committee CEN/CENELEC TC 4 “Services for fire safety and security systems”.
Il Project Committee europeo è stato incaricato di elaborare un unico documento normativo sulla qualificazione del servizio e del personale addetto ai servizi di sicurezza, applicabile ad ogni genere di impianto.

La prima discussione in seno al TC 4 ha cercato inizialmente di definire il “perimetro” di questi servizi di sicurezza: il rischio era quello di spaziare anche in campi non di competenza come quello dei servizi di vigilanza.

La norma europea, in fase di elaborazione, specifica i requisiti generali della qualità del servizio fornito dalle imprese e le competenze generali relativamente alla pianificazione, progettazione, installazione e manutenzione degli impianti dei sistemi di sicurezza, che comprendono i sistemi di protezione antincendio (rivelazione incendio e sistemi di allarme, sistemi di spegnimento), i sistemi di sicurezza (allarmi anti intrusione, sistemi di controllo degli accessi, sistemi di allarme, video sorveglianza) o una loro combinazione. Coinvolge dunque aspetti di security e safety.

Lo scopo è quello di definire un documento che permetta sia la qualificazione del servizio che la certificazione delle competenze di chi opera al suo interno: per l’Italia rappresenta una opportunità per la valorizzazione del servizio fornito dalle imprese nazionali del settore. Attualmente i lavori si concentrano sulla qualità del servizio, perché il tema della qualificazione del personale vede regolamentazioni diverse da paese a paese, comporta grandi difficoltà e presenta risvolti che escono dal campo di competenza.

mirco_damoliMirco Damoli di ANIE SICUREZZA, coordinatore del gruppo nazionale, delinea con chiarezza quali sono i vantaggi che il progetto presenta nel panorama italiano. “A livello nazionale non esiste un sistema in grado di qualificare le aziende e il personale operante nel settore dei servizi di sicurezza. Associazioni come ANIE Sicurezza, UMAN, Zenital, sono impegnate nei lavori di normazione per mettere a punto una norma che possa regolamentare il mercato definendo “chi fa che cosa” e aumentando la qualità del servizio reso, a tutto vantaggio della committenza e degli operatori stessi, ai quali verrebbe riconosciuta una professionalità oggi vanificata”.

Il CEN/CENELEC TC 4 ha creato un Task Group ristretto che, prendendo indicazioni dalla plenaria, ha redatto una prima bozza del progetto.
Tale bozza è stata analizzata dal gruppo UNI CEI al fine di portare il prossimo 25 ottobre alla riunione plenaria del TC 4 le indicazioni del mirror committee italiano.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.