Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Circa il 70-80% della produzione di macchine per legno nel nostro Paese (piallatrici, seghe a nastro, seghe circolari ecc…) è destinata all’esportazione. Una presenza importante sui mercati mondiali confermata da un altro dato: l’Italia copre circa il 21% della produzione mondiale di macchine per legno, ponendosi al secondo posto, dietro solo alla Germania.
Questi numeri danno l’idea della vitalità del settore nel nostro Paese. E, in certa misura, anche del ruolo che l’Italia svolge nelle attività normazione tecnica in questo specifico ambito.
m_simonettaA margine delle riunioni del CEN/TC 142 “Macchine per legno” - che si sono tenute tra il 19 e il 21 settembre scorso a Milano presso la sede UNI - Matteo Simonetta di ACIMALL, convenor di quattro gruppi di lavoro del comitato CEN, nonché del sottocomitato 4 dell’ISO/TC 39, ha tracciato un quadro generale dei lavori in corso.

Il Comitato Tecnico CEN 142 ha sotto la sua responsabilità una trentina di norme sulle macchine più tre sugli utensili. Stiamo revisionando molte di queste norme, in gran parte armonizzate ai sensi della direttiva europea sulla sicurezza macchine. Dall’inizio dell’anno già 18 hanno concluso il loro iter e sono giunte a pubblicazione”.
Un lavoro che tuttavia non è solo di revisione. “Sono in corso anche stesure di norme nuove. Ad esempio sono stati aperti due nuovi preliminary work item per sviluppare altrettante norme tecniche: una sulle levigatrici e una sulle presse. Sono macchine che presentano loro specifiche peculiarità in tema di requisiti di sicurezza”.

Un problema molto sentito è proprio quello di garantire maggiore uniformità dei livelli di sicurezza delle macchine che vengono immesse sul mercato. Allo stato attuale molte macchine prodotte in paesi extra-europei presentano caratteristiche inconciliabili con gli standard comunitari: protezioni mancanti o sistemi di controllo senza i criteri di sicurezza prescritti per legge dall’Unione europea. Sono disomogeneità che creano spesso problemi, soprattutto ai piccoli produttori, più vulnerabili sui mercati internazionali.
L’esigenza più sentita è quindi quella di darsi dei riferimenti comuni, su scala mondiale. Un lavoro, ovviamente, complesso e ambizioso.
L’anno scorso – ha sottolineato Simonetta - è stato riattivato il sottocomitato 4 'Woodworking machines', dell’ISO/TC 39, e ne è stata ampliata la competenza. L’intento è quello di portare in ISO l’esperienza sviluppata in CEN, coinvolgendo in questo sforzo importanti Paesi extra-europei, sempre in nell’ottica di giungere a definire requisiti di sicurezza uniformi in tutto il mondo. Brasile, Stati Uniti e Cina sono al momento i Paesi maggiormente coinvolti in questo progetto”.
La seconda riunione del sottocomitato si terrà proprio in Brasile: “un segnale incoraggiante – ha concluso Simonetta - che sembra confermare l’interesse di questi Paesi per i lavori che stiamo riavviando”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.