Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

cantiereL’attività di asseverazione si configura come una attività rilevante e complessa che il legislatore del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 (TU sicurezza) ha affidato agli Organismi Paritetici. Le indicazioni contenute nella legge risultano però non esaustive al fine di indirizzare in termini omogenei e corretti una attestazione di conformità ed efficace attuazione di un modello organizzativo e gestionale aziendale su tutto il territorio nazionale.

La prima importante attività di regolamentazione delle modalità di asseverazione è stata definita dal comparto dell’edilizia che ha promosso in UNI, attraverso la CNCPT, la redazione della prassi di riferimento UNI/PdR 2:2013, regolamentando nella bilateralità del settore edile, oltre alle modalità di esecuzione del processo di verifica, anche le competenze che devono possedere i tecnici verificatori chiamati a svolgere le verifiche sulla corretta implementazione e sull’efficace attuazione del MOG, ai sensi dell’art. 30 del TU sicurezza.

In considerazione della scadenza della UNI/PdR 2:2013, avvenuta a febbraio 2018, visto il positivo interesse riscontrato dalle aziende di questo settore e considerata anche la volontà espressa dalle Parti Sociali dell’edilizia nell’indagine pubblica conclusa il 6 settembre 2017, si è proposta la trasformazione della già citata prassi in norma tecnica nazionale di settore che definisca i criteri, i comportamenti, le metodologie e le professionalità che sono alla base di un’asseverazione qualificata per le imprese del comparto, ciò al fine di rendere comparabili le asseverazioni rilasciate.

Il GL 55 “Metodi e sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro” della Commissione Sicurezza dell'UNI propone quindi il progetto di norma UNI1605626 “Adozione ed efficace attuazione dei Modelli di Organizzazione e Gestione (MOG) della salute e sicurezza - Parte 2: Requisiti di conoscenza, abilità e competenza del tecnico verificatore dell'asseverazione nel settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile”, entrato nella fase dell'inchiesta pubblica preliminare lo scorso 31 dicembre.
Il progetto definisce - in conformità con il rapporto tecnico UNI/TR 11709:2018 - i requisiti relativi all’attività professionale del tecnico verificatore dell'asseverazione nel settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile, ossia della persona in grado di pianificare, svolgere e rendicontare le verifiche.

Il futuro documento sull’asseverazione darebbe fiducia alle parti, aziende e lavoratori, al sistema pubblico, al mercato, sulle verifiche - effettuate tramite la CNCTP - in merito all’adozione ed efficace attuazione del modello organizzativo e gestionale da parte delle aziende. Si ricorda come questa condizione sia necessaria per il riconoscimento dell’ “efficacia esimente” dalla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di cui al D.Lgs n. 231 del 8 giugno 2001 (art. 30 del D.Lgs 81/08).

Beneficio primario dell’asseverazione, svolta con metodi rigorosi secondo i criteri definiti nel progetto, è quello di innescare un processo virtuoso che non può che portare al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.

Il progetto terminerà la fase di inchiesta preliminare il 14 gennaio 2019. Fino a quella data sarà possibile visualizzare la scheda e inoltrare i propri commenti (>> vai alle pagine dell’Inchiesta pubblica preliminare).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.