Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

sicurezzaurbana 26nov2018È stata presentata oggi all’interno del convegno Sicurezza urbana: scenari e prospettive la prassi di riferimento UNI/PdR 48:2018 “Sicurezza urbana - Quadro normativo, terminologia e modelli attivi per pianificare, progettare, realizzare e gestire soluzioni di sicurezza urbana” frutto della collaborazione tra UNI e Fondazione Ordine Ingegneri Provincia di Milano - FOIM.

Il tema della sicurezza, e in particolare quella urbana, è molto sentito tra i cittadini perché riguarda allo stesso tempo un diritto proprio dell’uomo e la tutela di un bene pubblico.

La prassi di riferimento è una linea guida che in primo luogo definisce un linguaggio comune per tutti quei soggetti che a vario titolo operano nel settore della sicurezza urbana. Essa fornisce una panoramica dei più significativi riferimenti vigenti legislativi e normativi nazionali, europei e internazionali, una mappatura accurata del contesto e dello scenario di riferimento, le linee di sviluppo future e modelli di applicazione sui quali fare riferimento nella progettazione e realizzazione delle soluzioni.
Si tratta quindi di un documento utile a operatori del settore, forze dell’ordine, security manager, ingegneri, progettisti, urbanisti, giuristi, avvocati, consulenti, installatori e cittadini, a cui far riferimento ogni volta che si devono a confrontare con problematiche di sicurezza urbana in luoghi pubblici e privati a partire dagli immobili residenziali, dalle strutture per i servizi di trasporto, centri e distretti commerciali e così via. 

La prassi propone una riflessione su diversi aspetti relativi allo sviluppo di progetti di sicurezza urbana con un particolare riferimento alla partecipazione dei cittadini, alla tecnologia, alla formazione e sviluppo delle competenze, alle partnership e alla sostenibilità finanziaria. La tecnologia rappresenta un grande alleato nelle strategie di sviluppo della sicurezza urbana. La raccolta dei dati, le nuove modalità di registrazione, identificazione, monitoraggio e analisi dei dati possono portare un grande contributo soprattutto nell’ottica di un approccio preventivo. “La tecnologia” - si legge nella prassi - “non deve limitarsi a fornire nuovi strumenti per proteggere e controllare, ma deve favorire la trasparenza, la partecipazione e responsabilizzazione dei cittadini”.

Anche la formazione riveste un ruolo fondamentale per il futuro della sicurezza. Lo sviluppo delle competenze sul tema, accanto alla formazione di professionisti dedicati dovrebbero essere incoraggiati dalle Istituzioni attraverso l’ausilio delle Università e altri istituti di formazione.

La prassi tratta anche il tema della sostenibilità finanziaria dei progetti di sicurezza urbana, cosa che, dopo la progettazione è il principale elemento da tenere in considerazione per il raggiungimento degli obiettivi pianificati. A questo si può arrivare in primis controllando la destinazione delle risorse disponibili e in seguito intervenendo con chiarezza nel quadro delle responsabilità assegnate per il finanziamento, promuovendo la partecipazione della collettività alle misure che mirano ad assicurare la sostenibilità finanziaria come ad esempio il crowdfunding.

Come ha ricordato oggi il presidente UNI Piero Torretta durante l’introduzione al convegno “come per la recente prassi sul bullismo, la prassi sulla sicurezza urbana è una testimonianza dell'evoluzione del ruolo della normazione quale strumento del progresso economico e sociale. La normazione oggi infatti non è più chiamata solo a promuovere la sicurezza degli impianti, dei prodotti e dei processi ma, raccogliendo la sfida e l’indirizzo dell'Unione Europea, ha esteso la propria azione alla sicurezza dei servizi.
In questo ambito si colloca l’attenzione e l’impegno per la sicurezza domestica, la sicurezza del tempo libero, la sicurezza finanziaria, la sicurezza sociale e la sicurezza urbana.
Un ruolo che la normazione svolge attraverso la definizione di un linguaggio comune, la proposta di modelli applicativi per progettare interventi urbani efficaci e sostenibili, la valorizzazione della figura professionale del coordinatore della sicurezza urbana e la promozione dell’utilizzo responsabile delle tecnologie.
Anche questa è “Responsabilità Sociale” della normazione”.

 


Tutte le prassi di riferimento sono gratuitamente scaricabili dal sito www.uni.com accedendo alla sezione “Catalogo”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.