Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Sino all’8 novembre 2018 si troveranno nella fase di inchiesta pubblica preliminare una serie di progetti di norma su argomenti che spaziano dagli ingredienti dei cosmetici alle strutture di calcestruzzo, dalle infrastrutture del gas agli imballaggi. Solo a partire da venerdì 26 ottobre - data di inizio inchiesta - sarà possibile inviare commenti (>> vai alla banca dati).

Visto l’interesse del mercato per prodotti a connotazione naturale/biologica, il GL 01 “Cosmetici” della Commissione Tecnologie biomediche e diagnostiche intende adottare le parti 1 e 2 della ISO 16128 che rappresentano delle linee guida sulle definizioni tecniche e i criteri applicabili a ingredienti e prodotti cosmetici naturali e biologici (progetti UNI1604862 e UNI1604882).

Recepiscono i CEN/TR 17081, 17080 e 17079 del 2018 tre progetti di competenza della Commissione Ingegneria strutturale sulla progettazione di attacchi da utilizzare nel calcestruzzo. UNI1605303 fornisce disposizioni aggiuntive rispetto alla EN 1992-4 per la progettazione degli stati limite ultimi per ancoraggi muniti di testa e post-installati; UNI1605304 specifica regole di progettazione per ancoraggi con barre canale, aggiuntive e alternative alle disposizioni della EN 1992-4; UNI1605305 fornisce regole di progettazione per ancoraggi utilizzati per connettere sistemi non strutturali leggeri (per es. controsoffitti, tubazioni) agli elementi di calcestruzzo quali muri e pavimenti.

Settore gas: l’Ente federato CIG propone due progetti. UNI1605306 (sostituisce UNI 9165:2004) definisce i criteri per progettare, costruire, collaudare, condurre, manutenere e risanare le condotte con pressione massima di esercizio non maggiore di 0,5 MPa, alimentate da gas combustibili. In tema di sistemi di misurazione del gas, UNI1605176 individua le modalità per l’uso dell’elettrovalvola integrata nei contatori G4 e G6 (sostituisce UNI/TR 11689:2017).

Competenza della Commissione Apparecchi di sollevamento e relativi accessori per il progetto UNI1605197 che stabilisce i principi generali per la cura, la manutenzione, i controlli e i criteri di scarto delle funi di acciaio in servizio sugli apparecchi di sollevamento. Adotta ISO 4309:2017 e va a sostituire la UNI ISO 4309:2011.

UNI1605214 è il progetto CTI che definisce uno schema di qualificazione per le organizzazioni che operano nell'ambito delle filiere di produzione del biometano e dei suoi intermedi, prodotti in maniera sostenibile secondo quanto definito dal quadro legislativo europeo e nazionale. La futura UNI/TS sostituisce UNI/TS 11567:2014.

La Commissione Gomma adotta due norme ISO: il progetto UNI1605261 (adozione ISO 4666-4:2018) specifica una prova con flessometro a sforzo costante per determinare l’aumento di temperatura e la resistenza a fatica delle gomme vulcanizzate. UNI1605262 (adozione ISO 4661-2:2018) specifica un metodo di preparazione dei campioni provenienti da gomma vulcanizzata per l’utilizzo in prove chimiche.

Infine, il GL 07 “Imballaggio e ambiente” della Commissione Imballaggi intende recepire due documenti europei: UNI1605260 specifica i requisiti per la misurazione e la verifica dei quattro metalli pesanti (piombo, cadmio, cromo VI e mercurio) e altre sostanze pericolose presenti nell’imballaggio e del loro rilascio nell’ambiente: recepisce il CEN Technical Report 13695-1:2000. In tema imballaggi e riciclo materiali, il progetto UNI1605258 (recepisce CEN/TR 13688:2008) fornisce alcuni esempi di sostanze e materiali che potrebbero causare un sostenuto impedimento alle attività di riciclo ed è previsto per assistere la valutazione dei requisiti stabiliti nella EN 13430.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.