Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

isotc136 1 set2018L’industria italiana dell’arredo, che esporta una quota consistente della propria produzione, ha un ovvio interesse a ridurre gli ostacoli, anche di tipo tecnico, al commercio internazionale. Non a caso detiene la presidenza e la segreteria dell’ISO/TC 136 e considera la normazione tecnica internazionale di importanza strategica.

All’ultima riunione del comitato, che si è tenuta a Shanghai nella settimana dal 17 al 21 settembre, sono stati raggiunti importanti risultati che porteranno nei prossimi anni a fornire al mercato globale norme tecniche comuni per valutare le caratteristiche (di sicurezza, meccaniche, dimensionali, ecc.) degli arredi.

La serie di riunioni ha visto la partecipazione attiva e collaborativa di tutte le principali delegazioni nazionali e di importanti attori che operano a livello globale. Si tratta di una condizione essenziale per assicurare la diffusione e il reale utilizzo da parte del mercato delle future norme ISO di settore, il cui recepimento a livello nazionale rimane volontario, negli ambiti geografici di maggiore interesse.
Nelle riunioni e negli eventi che le hanno accompagnate è emersa chiaramente la consapevolezza da parte di tutti del ruolo chiave che le norme ISO hanno nell’assicurare livelli di qualità dei prodotti condivisi e della loro importanza negli scambi internazionali.

isotc136 2 set2018Nutrita anche la partecipazione italiana che ha visto impegnati i principali laboratori di prova del settore: CATAS, COSMOB e UL INTERNATIONAL ITALIA hanno partecipato attivamente, consapevoli che essere attori di questi tavoli significa in primo luogo tutelare gli interessi delle nostre imprese, oltre che contribuire a migliorare la circolazione di prodotti sicuri e funzionali in un mercato mondiale sempre più globalizzato.

Queste le impressioni di Luo Jufen dello Shanghai Institute of Quality Inspection and Technical Research:
"Essendo uno dei maggiori paesi importatori ed esportatori di mobili al mondo, la Cina auspica la creazione di un sistema globale unificato per gli standard relativi ai mobili, al fine di ridurre gli attriti commerciali causati dall'esistenza di norme diverse paese per paese. In effetti, la Cina è un attivo sostenitore della normativa ISO: di tutti gli standard attualmente emessi dal comitato tecnico ISO/TC 136, è stato adottato oltre il 90% come standard nazionale o professionale.
isotc136 3 set2018La 15a riunione plenaria ISO/TC 136, tenutasi a Shanghai, quest'anno ha trattato vari progetti relativi alle prove sui mobili - indispensabili nel mercato internazionale del settore - così come alcuni delicati aspetti che coinvolgono i componenti elettrici di varie tipologie di arredo. Siamo sicuri che lo sviluppo del progetto <ISO/TC 136> avrà in futuro un impatto positivo sulla diffusione della standardizzazione internazionale dei mobili.
La Cina - mantenendo uno spirito aperto e disponibile - invita quindi il comitato tecnico ISO/TC 136 a realizzare ulteriori e migliori standard internazionali per gli arredi, e a stabilire le linee guida per l'utilizzo della normativa internazionale relativa ai mobili, in tutto il mondo".

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.