Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

goal6 unL’acqua tocca tutti gli aspetti della vita: per questo motivo nel dicembre 2016 l’Assemblea Generale dell'ONU ha adottato all’unanimità la risoluzione International Decade for Action (2018-2028) - Water for Sustainable Development. Oggi una persona su 10 nel mondo non ha accesso all’acqua potabile e circa 2,3 miliardi di persone non dispongono di servizi igienico-sanitari adeguati: le conseguenze sociali ed economiche sono disastrose. L’accesso all’acqua e ai servizi sanitari potrebbe risolvere molti problemi in termini di istruzione e di opportunità lavorative, oltre a migliorare la salute delle popolazioni.

In questo contesto risulta necessaria un’azione comune: il nuovo numero di ISOfocus (gennaio-febbraio 2018) intende sensibilizzare la comunità internazionale sullo stato critico delle risorse idriche e del pianeta e incoraggia maggiori azioni per affrontarlo. La rivista fa il punto sugli ultimi sviluppi in questo campo e presenta i dati e le informazioni più recenti concernenti il settore idrico e delle acque reflue, concentrandosi sulle prestazioni dei servizi idrici urbani nelle città in rapida crescita, una delle questioni più urgenti del nostro tempo.

Un intervento introduttivo del presidente ISO John Walter riporta “Mi avvicino al nuovo ruolo di presidente dell’International Organization for Standardisation e sono convinto che le norme internazionali siano parte integrante nel raggiungimento di ciascuno degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'ONU, compreso l'obiettivo numero 6: garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie”.

“Sembra normale poter accedere ai servizi igienici, ma secondo i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC-Centers for Disease Control and Prevention) più di 800.000 persone, tra cui molti bambini piccoli, muoiono ogni anno per mancanza di adeguate condizioni igieniche. È una realtà drammatica in sé, ma le conseguenze vanno ancora oltre…” ha dichiarato Doulaye Koné, vicedirettore del dipartimento Water, Sanitation & Hygiene della Gates Foundation.
Koné, che presiede anche il comitato di progetto ISO/PC 305, condivide l’importanza delle norme nel mercato globale e i vantaggi della futura ISO 30500 “Non-sewered sanitation systems - Prefabricated integrated treatment units - General safety and performance requirements for design and testing” (>> guarda la brochure “ISO 30500. Non-sewered sanitation systems”).

Le soluzioni oggi disponibili sono costose, è necessario ridurre i costi. Le norme internazionali possono aiutare a stabilire le specifiche per i prodotti e soddisfare le esigenze di milioni e milioni di persone.

L’ “International Decade for Action (2018-2028) - Water for Sustainable Development” avrà inizio il 22 marzo 2018, giornata in cui si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua 2018.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.