Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

laboratori videoISOLa ISO/IEC 17025 “Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura” rappresenta il riferimento internazionale per i laboratori che svolgono attività di prova e di taratura nel mondo.
La produzione di risultati validi e altamente affidabili è al centro delle attività dei laboratori; la ISO/IEC 17025:2017 consente loro di applicare un sistema per la qualità robusto e di dimostrare le loro competenze tecniche e la loro capacità di produrre tali risultati.

La norma facilita la cooperazione tra laboratori e altri organismi, garantendo una più ampia accettazione dei risultati tra i diversi Paesi: rapporti di prova e certificati possono essere riconosciuti da un paese all’altro senza la necessità di ulteriori prove, migliorando e semplificando il commercio internazionale.

Al fine di riflettere le ultime evoluzioni del mercato e delle tecnologie, la nuova edizione contiene le attività e i metodi di lavoro più aggiornati utilizzati oggi dai laboratori di prova. La norma tiene conto degli sviluppi nella tecnica, nel vocabolario e nelle tecnologie informatiche e dei contenuti della ISO 9001 in tema di gestione per la qualità.

I tre convenors del gruppo di lavoro CASCO 44 (ISO/CASCO) che hanno seguito la revisione della norma spiegano in un video perché la nuova versione della ISO/IEC 17025 è così importante per i laboratori.

>> Guarda il video “Discover the new ISO/IEC 17025:2017”

 I laboratori già accreditati ISO/IEC 17025:2005 hanno davanti un periodo di transizione (3 anni dalla data di pubblicazione della nuova versione) per conformare i loro processi a quanto descritto nella edizione 2017.

Una dichiarazione congiunta ILAC-ISO descrive questa transizione e la sua tempistica:
Joint ILAC-ISO Communiqué on the recognition of ISO/IEC 17025 during a Three-Year Transition

Quali sono le principali modifiche contenute nella versione 2017? Oltre a una rivisitazione dello scopo, l’approccio di processo è ora in linea con quello di nuovi standard quali UNI EN ISO 9001 (sistemi di gestione per la qualità), UNI EN ISO 15189 (qualità e competenza dei laboratori medici) e UNI/CEI EN ISO/IEC 17021-1 (requisiti per gli organismi di audit e certificazione di sistemi di gestione). Concentrandosi maggiormente sulle tecnologie dell’informazione, la norma riconosce e incorpora l’utilizzo di sistemi informatici e registrazioni elettroniche e la produzione di risultati e di reports elettronici, ampiamente utilizzati dai laboratori moderni. Infine, un nuovo capitolo introduce il risk-based thinking e tratta dei punti comuni con la ISO 9001:2015.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.