Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Dal 15 al 28 gennaio due progetti del Comitato Termotecnico Italiano (CTI) si trovano nella fase dell’inchiesta pubblica preliminare, fase fondamentale del processo normativo. Tutti gli interessati possono inviare commenti attraverso l'apposita scheda (>> consulta la banca dati).

UNI1604004 “Prestazione energetica degli edifici - Parte 2: Accompagna la TR prEN 15232-1:2015 - Moduli M10-4,5,6,7,8,9,10” contiene informazioni a supporto di una corretta comprensione, utilizzo e recepimento nazionale della EN 15232-1 “Prestazione energetica degli edifici - Parte 1: Impatto dell'automazione, del controllo e della gestione tecnica degli edifici - Moduli M10-4,5,6,7,8,9,10”.
Il progetto recepisce il CEN/TR 15232-2:2016 con l'obiettivo di completare il quadro normativo in materia di prestazione energetica degli edifici e di fornire agli operatori indicazioni utili per una corretta interpretazione delle funzioni di automazione e controllo attribuite ai sistemi BACS e TMBS, tra cui:

  • controllo del riscaldamento, controllo della fornitura di acqua calda sanitaria, controllo del raffrescamento,
  • controllo della ventilazione e del condizionamento dell’aria,
  • controllo dell’illuminazione, controllo delle schermature e gestione tecnica della casa e dell’edificio.

I sistemi BACS e TMBS giocano un ruolo fondamentale nel pilotare il comportamento dei nuovi edifici, progettati per un bassissimo consumo di energia e con produzione locale di energia da fonte rinnovabile.
Il futuro TR rappresenta di fatto uno dei riferimenti normativi più importanti per l'adempimento del Decreto interministeriale 26 giugno 2015 relativo a requisiti e prescrizioni specifici per gli edifici di nuova costruzione o soggetti a ristrutturazioni importanti di primo livello. La competenza è della CT 272 “Sistemi di automazione e controllo per la gestione dell'energia e del comfort negli edifici”.

Il secondo progetto UNI1603737 “Biocombustibili solidi - Specifiche e classificazione del combustibile - Definizione di classi di pellet legnoso e non legnoso integrative alle UNI EN ISO 17225-2 e UNI EN ISO 17225-6” (futura TS) è di interesse della CT 282 “Biocombustibili solidi”.
La definizione delle classi proposte (integrative alle UNI EN ISO citate) consentirà a impianti termici di media-grande taglia di utilizzare pellet legnoso e non legnoso costituito da alcune tipologie di biomasse solide di interesse nazionale, prevalentemente di tipo agricolo e residuale come ad es. le biomasse legnose da potature o espianti di arboree e biomasse erbacee derivanti dalla filiera del foraggio.
La UNI TS intende fornire agli operatori dei settori agricolo e agroforestale l’opportunità di valorizzare la materia prima residuale, migliorandone gli aspetti di carattere commerciale e ambientale dell’uso energetico, e stimolare iniziative locali necessarie per favorire la filiera corta.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.