Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

parkour attrezzaturaCon il recepimento della norma europea EN 16899, anche in Italia vengono stabiliti i requisiti destinati a proteggere gli utilizzatori delle strutture per parkour dai pericoli che potrebbero non essere in grado di prevedere.

Il parkour, conosciuto anche come “free running”, è uno sport non competitivo che consiste nell’allenarsi a muoversi liberamente su e attraverso ogni terreno utilizzando unicamente la capacità del proprio corpo, principalmente con corsa, salti, arrampicata e movimento quadrupede. Questa disciplina nasce negli spazi aperti del contesto urbano: i supporti utilizzati dai free runner erano costituiti da strutture esistenti come muri, tetti, scalinate, lampioni e ringhiere.
La norma fa riferimento a strutture installate appositamente per la pratica di questo sport, anche indoor, e riconosce che il movimento del parkour è determinato personalmente dagli utilizzatori, che oltre alle proprie capacità fisiche possono utilizzare elementi di attrezzatura e strutture, sia permanenti sia portatili.

La norma UNI EN 16899 “Attrezzature sportive e ricreative - Attrezzature da parkour - Requisiti di sicurezza e metodi di prova” regola proprio le caratteristiche, l’integrità strutturale e i requisiti di carico dei materiali utilizzati (calcestruzzo, legno, metalli, gomme), stabilisce requisiti di sicurezza di spazi e superfici e sancisce buone prassi in materia di installazione, ispezione e manutenzione delle strutture.              
Il parkour è una disciplina in cui tutte le componenti e gli elementi sono accessibili all’utilizzatore, e per questo devono sostenere il carico dinamico applicato su di esse senza cedere o spostarsi; le superfici non devono essere scivolose né abrasive.
Altri aspetti interessanti sottolineati dalla norma riguardano l’accesso ad aste e sbarre - che se sono poste a oltre un metro di altezza deve essere facilitato dalla presenza di un gradino alto almeno 70 cm - e le precauzioni sull’altezza di caduta, che non deve eccedere i 3 metri e quando superiore ai 160 centimetri richiede la presenza di una superficie di attenuazione dell’impatto.

Il parkour è uno sport che punta a rafforzare non solo il fisico, ma anche la fiducia in sé stessi, la determinazione, l’auto-disciplina e l’autostima; tutti gli aspetti della norma, rivolta a fabbricanti di attrezzature, gestori e progettisti di parchi e ai supervisori di lezione, mirano a innalzarle gli standard di sicurezza di questa attività, rendendoli uniformi in tutta Europa.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.