Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Per un allineamento alle normative internazionali, la Commissione Gomma propone l’adozione di 6 norme ISO che vanno a sostituire precedenti adozioni. I progetti sono sottoposti in questi giorni all’inchiesta pubblica preliminare (vd. banca dati online), che terminerà il 20 novembre 2017. Sino a tale data chiunque fosse interessato può esprimere il proprio parere, attraverso l’apposito form online.

I primi quattro progetti sono di competenza del gruppo di lavoro GL 01 “Prove fisico-meccaniche”.

UNI1603876 “Gomma vulcanizzata o termoplastica - Determinazione della fragilità a bassa temperatura” specifica un metodo per la determinazione della temperatura più bassa alla quale i materiali di gomma non presentano rotture fragili o della temperatura alla quale la metà dei provini utilizzati non supera la prova quando sottoposti a urto in condizioni specificate. Le temperature così determinate non corrispondono necessariamente alla temperatura più bassa alla quale il materiale può essere utilizzato dato che la fragilità è influenzata dalle condizioni di prova e, in particolare, in funzione dalla velocità dell’urto. Adotta la norma ISO 812:2017 e sostituisce la UNI ISO 812 del 2012.

Il metodo descritto nel progetto UNI1603877 “Gomma vulcanizzata o termoplastica - Determinazione dell'adesione al metallo - Metodo a due piastre” è utile a determinare la forza di adesione della gomma incollata al metallo dove la parte di gomma è posizionata tra due piastre di metallo parallele, utilizzando il sistema adesivo in esame. Il metodo è applicabile principalmente a provini, preparati in laboratorio in condizioni normalizzate, allo scopo di fornire dati per lo sviluppo di mescolanze di gomma e il controllo dei metodi di fabbricazione. Adotta la norma ISO 814:2017 sostituento la UNI ISO pari numero del 2012.

“Gomma vulcanizzata o termoplastica - Determinazione della resistenza all’abrasione mediante dispositivo a tamburo cilindrico rotante” è il titolo del progetto UNI1603878 che rappresenta l’adozione della ISO 4649:2017 (sostituisce UNI ISO 4649:2011). Per determinare la resistenza all’abrasione della gomma vengono definiti 2 metodi che comportano una perdita di volume dovuta all’azione abrasiva causata dallo sfregamento di un provino di gomma sopra un foglio abrasivo di gradazione specificata; per ciascun metodo il risultato può essere espresso come una perdita di volume relativa o un indice di resistenza all’abrasione. I metodi sono adatti a prove di tipo comparativo, controllo della qualità, prove di conformità alle specifiche, scopi di arbitraggio e lavori di ricerca e sviluppo.

UNI1603879 “Gomma vulcanizzata - Determinazione della fatica a trazione” specifica un metodo per determinare la resistenza di gomme vulcanizzate alla fatica sotto deformazioni elastiche ripetute, con dimensioni del provino e frequenza dei cicli tali che l'aumento della temperatura sia piccolo o nullo. Il metodo è limitato a deformazioni ripetute nelle quali il provino è rilassato fino a deformazione nulla per parte di ciascun ciclo. Il progetto adotta la norma ISO 6943:2017 e sostituisce la UNI ISO 6943:2012.

Competenza invece del GL 06 “Caratterizzazione di elastomeri e ingredienti per mescole” per gli ultimi due progetti di norma in inchiesta.

UNI1603880 “Ingredienti per mescolanze di gomma - Antidegradanti della p-fenilendiammina (PPD) - Metodi di prova” si applica a una varietà di antidegradanti utilizzati nell’industria della gomma derivati dalle p-fenilendiammine (PPD) sostituite. Le tre classi generali di PPD utilizzate per proteggere la gomma dall’ozono sono di-alchili, alchil-arili e di-arili. I metodi indicati sono di rilevante significatività nella valutazione della purezza delle PPD prodotte e quindi della loro idoneità all’utilizzo nella gomma. Adotta ISO 11236:2017 e sostituisce UNI ISO 11236:2015.

Infine, UNI1603881 “Gomma grezza naturale - Determinazione della variazione dell’indice di plasticità (PRI)” specifica un metodo per la determinazione della variazione dell’indice di plasticità (PRI) della gomma grezza naturale (il PRI è una misura della resistenza della gomma grezza naturale all'ossidazione termica). Un’alta resistenza all'ossidazione termica si manifesta come un alto valore dell’indice. Adotta la norma ISO 2930:2017 e sostituisce la UNI ISO pari numero del 2010.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.