Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

sharing economyChiamare un taxi, trovare un hotel per le vacanze, chiedere un aiuto a domicilio… nuovi e sofisticati siti web e applicazioni stanno per rendere obsoleti i modelli tradizionali di business. Un nuovo ISO International Workshop Agreement intende fornire le basi sulle quali costruire nuove soluzioni di normazione per sostenere l’economia della condivisione.

Per affrontare le sfide della sharing economy, nel marzo 2017 lo Standards Council of Canada (SCC) in collaborazione con CSA Group ha organizzato un Workshop che ha portato allo sviluppo del documento IWA 27:2017 “Guiding principles and framework for the sharing economy”.
L’IWA 27 fornisce soluzioni per una economia della condivisione efficiente ed efficace e offre un quadro per decisioni e azioni che rispondono agli impatti sociali, ambientali ed economici e alle opportunità di questo modello economico. Il documento aiuterà i governi a tenere il passo con i cambiamenti, a sviluppare politiche adeguate e a meglio proteggere i consumatori e l’industria.

“SCC riconosce sia il grande valore della sharing economy che la necessità di facilitare e condurre la discussione a livello internazionale in questo settore” ha dichiarato John Walter, direttore generale dello Standards Council of Canada e ISO President-elect. “Questo IWA è la dimostrazione di ciò che un gruppo internazionale di esperti può fare: unire le forze e sviluppare soluzioni di normazione in aree nuove e innovative”.

La sharing economy è cresciuta in modo significativo nell’ultimo decennio, molte aziende stanno implementando questo nuovo modello economico. Airbnb e Uber sono due esempi che dimostrano i cambiamenti in atto in diversi settori, sono imprese che basano il loro business sulla condivisione. Questo modello economico solleva però alcuni problemi, in particolare per quanto riguarda la fiscalità, la salute e la sicurezza, il rispetto della privacy e le leggi sul lavoro, tanto per citarne alcuni.

Gli obiettivi dell’IWA 27 sono:

  • definire i principi generali della sharing economy
  • promuovere la condivisione delle conoscenze e delle migliori pratiche per affrontare le sfide che emergono dai modelli di business dell’economia della condivisione
  • sostenere lo sviluppo di soluzioni innovative a queste sfide in differenti settori di servizi
  • proporre soluzioni normative per rispondere a una necessità del mercato o a requisiti di politiche pubbliche.

Il nuovo IWA può essere utilizzato per orientare le attività delle persone che lavorano nella sharing economy e può servire da base per una futura norma nazionale o internazionale.

 


 

Un International Workshop Agreement (IWA) è un documento ISO elaborato nel corso di una o più riunioni e non attraverso i lavori di un comitato tecnico. Gli attori economici e le parti interessate partecipano direttamente all’elaborazione del documento e non devono passare attraverso una delegazione nazionale. Un IWA può essere sviluppato rapidamente e pubblicato in meno di 12 mesi per rispondere rapidamente a un bisogno del mercato.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.