Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Il recente terremoto a Ischia, ultimo di una serie di altri eventi sismici che hanno colpito in tempi recenti il nostro Paese, ha nuovamente posto in primo piano il tema della sicurezza del patrimonio edilizio esistente.
b finzi odingmilanoSu questo argomento, molto chiare sono le parole pronunciate da Bruno Finzi, Presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Milano: "Non è accettabile che si stia ancora attendendo, dal 2014, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della nuova normativa tecnica".
La questione, si sa, è di assoluta rilevanza nazionale.
Il capitolo 8 di questa nuova normativa riguarda proprio la sicurezza nei confronti del sisma del costruito esistente e si stabilisce finalmente la possibilità di procedere in maniera preferenziale con il miglioramento rispetto all’adeguamento. Dobbiamo entrare in questa precisa logica", sottolinea Finzi. "Raggiungere il miglioramento della sicurezza per tutti rispetto alla sicurezza per pochi".

I risultati del lavoro condotto sino ad oggi dalla Commissione CASA ITALIA guidata dal professor Azzone (piano a lungo termine per la messa in sicurezza del territorio nazionale, un progetto di cura e valorizzazione del patrimonio abitativo, del territorio e delle aree urbane, n.d.r.) è prezioso, ma non basta. Il censimento del costruito passa necessariamente per il fascicolo del fabbricato, per troppo tempo rimandato e accantonato.
"Il Certificato di Idoneità Statica (CIS) come pensato e attuato a Milano è uno strumento utile e ci auguriamo di esempio per l’intera Nazione. Un esempio anche di 'buona politica al servizio dei cittadini' di un’amministrazione lungimirante che ha deciso di compiere questo passo sicuramente rivoluzionario chiedendo aiuto e supporto tecnico al nostro Ordine professionale", ricorda sempre Bruno Finzi, che conclude: "il miglioramento della sicurezza di strutture esistenti si deve inoltre perseguire non a spese dello Stato, le cui risorse devono essere riservate alla messa in sicurezza delle strutture pubbliche, ma solo ed esclusivamente attraverso l’intervento dei privati favoriti da una seria politica di incentivi fiscali. E’ da augurarsi che il tempo perso venga finalmente recuperato”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.