Stampa 

La Legge 190/2012, il Piano Nazionale Anticorruzione (PNA) ed i successivi Decreti attuativi obbligano la pubblica amministrazione ad adottare Piani triennali di prevenzione della corruzione e le società private partecipate o controllate da Enti Locali nonché gli enti pubblici economici, ad adottare efficacemente un Piano di Prevenzione della Corruzione (entro il 31 gennaio di ogni anno), il Programma triennale per la trasparenza e l'integrità (da aggiornare annualmente), oltre ai previsti Codici di comportamento.  Il Piano Nazionale Anticorruzione (PNA) e le nuove Linee Guida (Protocollo di intesa del 15 luglio 2014) tra ANAC, Prefetture ed Enti Locali richiedono inoltre l'introduzione di adeguate misure organizzative e gestionali per la prevenzione degli eventi corruttivi che si rifacciano alle best practice tipiche del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo disciplinato dal D. lgs 231/2001 (responsabilità amministrativa degli enti in sede penale).  Il 9 settembre 2014 l'ANAC ha quindi approvato il Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio per l'omessa adozione degli adempimenti obbligatori prevedendo l'irrogazione di una sanzione amministrativa, commisurata in concreto alla gravità dell'infrazione e correlata alla dimensione organizzativa dell'amministrazione ed al grado di esposizione di questa, o di sue attività, al rischio di corruzione.

L’obiettivo del corso “Anticorruzione L. 190/2012. PNA e Decreti attuativi. Adempimenti obbligatori per i destinatari” è quello di illustrare in modo semplice l’articolato panorama normativo in materia, fornendo tutte le indicazioni pratiche e gli esempi concreti sui contenuti minimi dei Piani triennali di prevenzione della corruzione, e dei Piani di prevenzione della corruzione in ordine all'integrazione di questi ultimi con i Modelli di organizzazione e gestione previsti dal D. lgs 231/2001, utili per non incorrere nelle sanzioni previste.

I principali destinatari del corso del 15 giugno a Milano sono: le Pubbliche Amministrazioni, Responsabili per la prevenzione della corruzione, enti pubblici economici, enti di diritto privato in controllo pubblico (le c.d. “partecipate”).

Agli iscritti al Collegio dei Periti Industriali che parteciperanno al corso e che ne faranno richiesta,  verranno rilasciati 7 Crediti Formativi Professionali

Centro Formazione UNI
tel. 02 70024379 oppure 70024228, fax 02 70024411
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.twitter.com/formazioneUNI  #CorsoUNI

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.