Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

smau2017 bolognaA Bologna, nell’ambito di Research to Business 2017, il 12° Salone della Ricerca Industriale e delle Competenze per l'Innovazione, giovedì 8 giugno si terrà un convegno dal titolo “L’innovazione si fa business” (vd. programma).

Si tratta di un momento di riflessione e di approfondimento significativi perché attorno al termine “innovazione” esiste tuttora una certa ambiguità che ne ostacola la piena comprensione. Fare innovazione è invece un processo complesso che richiede sempre più una struttura organizzata e processi definiti. Soprattutto bisogna cominciare a pensare al processo di innovazione come a qualcosa che, se opportunamente governato, è in grado di generare un valore per il mercato e quindi un reale valore economico.
Ora, mentre l’ISO si è attivata per definire regole e standard della buona prassi innovativa, l’Unione Europea sta sostenendo il progetto NUCLEI, finanziato dal programma Interreg Central Europe, che si prefigge di identificare modi e strumenti condivisibili internazionalmente nel processo innovativo. Il progetto riunisce 10 tra i principali attori nel settore dell’innovazione appartenenti a 6 Paesi (Italia, Germania, Polonia, Austria, Repubblica Ceca e Slovacchia).

Alla luce di questo progetto europeo e delle attività che si stanno sviluppando nel mondo della normazione, quali prospettive si aprono per i prossimi anni? Quali nuovi strumenti a servizio delle imprese ci aspettiamo che nascano?
Il convegno dell’8 giugno prossimo è un’occasione per fare il punto della situazione e gettare luce sulle novità che si prospettano in un ambito così cruciale per lo sviluppo industriale nazionale ed europeo.

Per UNI parteciperà Marco Cibien, che interverrà sul tema “Normazione e innovazione: le attività UNI, CEN ed ISO”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.