Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Al fine di incrementare la sicurezza nucleare nei confronti della popolazione e degli operatori, la SC 02 “Protezione dalle radiazioni” della Commissione Tecnologie nucleari e radioprotezione intende adottare alcune norme internazionali ISO.
Queste norme sono fondamentali per la progettazione di laboratori di ricerca e di specifiche facility presso centrali nucleari, impianti del ciclo del combustibile, depositi provvisori e finali del combustibile irraggiato, sia di futura costruzione che in fase di smantellamento; sono altresì importanti per la progettazione di quegli impianti in costruzione e/o di futura realizzazione necessari alla gestione in sicurezza dei rifiuti radioattivi, anche in riferimento ad attività industriali o medicali che richiedano la manipolazione confinata di radionuclidi.

Il progetto UNI1603142 “Impianti nucleari - Penetrazioni della ventilazione per confinamenti schermati” (adozione ISO 15080:2001) specifica i requisiti di costruzione e installazione dei dispositivi di schermaggio radiobiologico utilizzati nelle penetrazioni della ventilazione attraverso confinamenti schermati realizzati in cemento o in piombo ai fini della protezione dalla radiazione gamma. Si applica a tutti i confinamenti schermati utilizzati per la manipolazione di prodotti radioattivi o materiali emettitori di radiazioni penetranti (gamma o neutroni) in quantità e per livelli di emissione tali per cui gli stessi devono essere manipolati per via remota in presenza di schermaggi.

UNI1603143 “Impianti nucleari - Criteri per la progettazione e l’esercizio di sistemi di ventilazione per installazioni nucleari diverse da reattori nucleari” (adozione ISO 17873:2004) definisce i requisiti applicabili alla progettazione ed esercizio di sistemi di ventilazione per impianti nucleari come ad esempio celle calde, laboratori per la fabbricazione e l’esame di combustibile nucleare, impianti per il trattamento del plutonio, impianti di riprocessamento, impianti di arricchimento, stazioni di gestione di rifiuti radioattivi, depositi, etc. Scopo della ventilazione e dei sistemi di contenimento è quello di assicurare la funzione di sicurezza e proteggere i lavoratori, la popolazione e l’ambiente contro il rischio di diffusione di contaminazione radioattiva risultante dall’esercizio di tali installazioni.

I restanti progetti adottano le parti da 1 a 5 della ISO 11933. Dal titolo comune “Componenti per sistemi di confinamento: scatole a guanti e celle calde”, le parti nello specifico riguardano:

  • "Parte 1: Penetrazioni per guanti e sacchi, coperchi di chiusura, anelli di tenuta e parti intercambiabili" (progetto UNI1603144). Specifica le caratteristiche dei diversi componenti di interfaccia applicabili alle barriere di confinamento incluse le pareti schermate (come descritto nelle norme ISO 7212 e ISO 9404), da utilizzarsi nella costruzione delle barriere di protezione contro le radiazioni ionizzanti.
  • "Parte 2: Guanti, sacchi, manicotti di tenuta per pinze da presa ad asta e manipolatori articolati" (progetto UNI1603145). Questa parte definisce e fornisce i requisiti per la selezione, la costruzione e l’utilizzo dei seguenti componenti a tenuta specifici per le interfacce guantate o di ingresso/uscita, anelli di supporto per componenti intercambiabili utilizzati nei dispositivi o nei sistemi di confinamento descritti nella Parte 1: guanti, sacchi a tenuta, manicotti a tenuta per pinze da presa ad asta, manicotti a tenuta per manipolatori articolati.
  • "Parte 3: Sistemi per l’ingresso e l’uscita dei materiali come portelli, camere a doppia porta, contenitori rimovibili a doppia chiusura, connessioni a tenuta per fusti destinati ai rifiuti" (progetto UNI1603146). Definisce e fornisce i requisiti dei vari sistemi di ingresso e uscita materiali installabili sui sistemi di confinamento, quali scatole a guanti, con o senza schermature ovvero installabili su pareti schermanti metalliche (acciaio alcarbonio o acciaio inox) o in calcestruzzo.
  • "Parte 4: Ventilazione e sistemi di filtrazione degli aeriformi quali filtri per aerosol, per gas, valvole di regolazione e di sicurezza, dispositivi di controllo e protezione" (progetto UNI1603147). Specifica i criteri di progetto e le caratteristiche dei vari componenti utilizzati per la ventilazione e la filtrazione degli aeriformi nelle barriere di contenimento. Questi componenti sono sia direttamente fissati alle pareti dei sistemi di contenimento che utilizzati all’interno dei confinamenti, schermati o non schermati, o per ultimo sulle loro linee.
  • "Parte 5: Penetrazioni per i circuiti elettrici e i fluidi" (progetto UNI1603148). Questa ultima parte specifica i criteri di selezione dei componenti e descrive le caratteristiche di progettazione dei vari componenti delle penetrazioni dei sistemi elettrici e dei fluidi delle barriere di contenimento a tenuta o schermate.

I sette progetti di norma hanno iniziato la fase di inchiesta pubblica preliminare, che terminerà il 15 maggio 2017. Le schede dei progetti sono disponibili sulla banca dati online e aperte ai vostri commenti.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.